Charles Grodin è morto: l’attore di King Kong aveva il cancro

Charles Grodin è morto ad 86 anni: aveva un cancro al midollo osseo.

Charles Grodin è morto all’età di 86 anni. La notizia della scomparsa è stata resa pubblica dalla sua famiglia, che ha comunicato anche le cause del decesso: un terribile cancro. L’attore aveva recitato in grandi pellicole, ome King Kong e Beethoven. 

Charles Grodin è morto

Lutto nel mondo del cinema: Charles Grodin è morto. L’attore aveva da poco compiuto 86 anni e combatteva ormai da tempo contro un terribile cancro al midollo osseo.

A rendere pubblica la notizia della sua scomparsa è stata la famiglia, in particolare a chiarire le cause del decesso è stato il figlio Nicholas, intervistato da The New York Times

Charles Grodin è morto: addio all’attore

Charles Grodin è morto nella sua casa a Wilton, nel Connecticut. Un portavoce dell’attore ha rivelato che si è spento serenamente, circondato dalla sua famiglia e dalle persone che l’hanno sempre amato. L’ottantaseienne lascia la moglie Elissa Durwood Grodin, con la quale faceva coppia fissa da ben trentotto anni. Oltre a Nicholas, aveva una figlia di nome Marion, nata dal precedente matrimonio con Julie Ferguson.

Charles Grodin è morto: la carriera dell’attore

Grodin ha avuto una carriera molto ricca. Nel 1976 ha vestito i panni di Fred Wilson nel film King Kong e qualche anno più tardi è stato George Newton in Beethoven e Beethoven 2. Tra i suoi personaggi più celebri ci sono anche Buddy nella pellicola La signora in rosso e Lenny Cantrow nel film Il rompicuori. Inoltre, Charles ha fatto parte del cast di altri titoli importanti, come: Dave – Presidente per un giorno, Mia moglie è una pazza assassina?,  4 fantasmi per un sogno, Una lunga pazza estate e, più recentemente, The Humbling, Giovani si diventa e The Comedian

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stasera in tv 19 maggio 2021: la programmazione completa

Jennifer Love Hewitt mamma per la terza volta: “Non ce ne sarà un altro”

Leggi anche
Contents.media