Ittiofobia: hai paura del pesce?

Gli animali possono essere lo stimolo che causa una fobia. L’abbiamo visto in molte occasioni con ragni, serpenti o persino uccelli. E succede anche con la paura del pesce se si soffre di ittiofobia. Animali che in linea di principio non sembrano presentare alcun pericolo, ma che per le persone affette da ittiofobia possono essere motivo di panico. Vi diciamo tutto sull’ittiofobia nel nostro dizionario delle fobie.

Cos’è l’ittiofobia

L’ittiofobia è la paura del pesce. Ai pesci vivi che trovi nel mare, in un fiume o in un lago e anche ai pesci che servono da cibo. Per questo motivo, è molto probabile che se soffri di ittiofobia non puoi mangiare pesce. È una fobia che sorprende molto a causa della scarsa pericolosità dell’animale.

Con altre fobie verso gli animali, potrebbe non essere così strano per noi. Siamo abituati a sentire parlare di aracnofobia ed è una paura che tutti possiamo capire. Ma quale pericolo può rappresentare un pesce? La verità è che quando compare una fobia è perché quella paura è irreale ed eccessiva.

Sintomi dell’ittiofobia

Tra la paura e il rifiuto dello stimolo, in questo caso del pesce, si muovono i disturbi fobici. Le persone con ittiofobia cercheranno in tutti i modi di evitare di trovarsi in situazioni in cui devono vedere i pesci. Il comportamento di evitamento implica, ad esempio, il divieto di recarsi in un museo marittimo, anche se ciò non è troppo limitante.

Ma altre situazioni lo sono. Come evitare di andare in spiaggia con gli amici o la famiglia o di godersi un pomeriggio in un bosco vicino al fiume. Il tutto per sfuggire ai sintomi di ansia causati dalla presenza di pesci. Nervosismo, sudorazione, palpitazioni e vertigini che possono scatenare un attacco di panico.

Cause dell’ittiofobia

La domanda che tutti ci poniamo è come si fa ad avere questa paura irrazionale del pesce. Generalmente, le fobie provengono da un’esperienza traumatica, in questo caso la situazione vissuta con una forte carica emotiva è associata alla presenza di questi animali.

Un’altra delle cause più comuni di sviluppo di una fobia è la precedente sofferenza di un disturbo d’ansia. L’ansia innesca la sensazione di pericolo di fronte agli stimoli più diversi e, non sempre con ragioni convincenti. Ecco perché è normale non riuscire a trovare alcuna situazione specifica nella vita di quella persona che lo abbia portato al panico per il pesce.

Trattamento dell’ittiofobia

Può sembrare che l’ittiofobia sia un problema che non limita la vita quotidiana della persona che ne soffre. Ed è vero, anche se devi rinunciare a certi piaceri, non devi trovarti in situazioni che scatenano la tua ansia ogni giorno. Ma in ogni caso, le fobie devono essere trattate per evitare che se ne sviluppino di nuove.

Per superare una fobia è necessario un aiuto psicologico. Un professionista determinerà il trattamento più appropriato in base al grado del disturbo fobico e alle particolarità di ogni persona, ma è dimostrato che la terapia cognitivo comportamentale è la più efficace con l’aiuto di tecniche di rilassamento.

Lascia un commento

Oroscopo dell’amore: Pesci e Scorpioni sono compatibili?

Micofobia o paura dei funghi: quando i funghi producono paura