Markie Post è morta: l’attrice di Giudice di notte aveva 70 anni

Markie Post è morta: l'attrice di Giudice di notte aveva 70 anni e lottava da tempo contro un terribile cancro.

Markie Post è morta all’età di 70 anni. L’attrice, nota per aver vestito i panni del difensore d’ufficio Christine Sullivan in Giudice di notte, è scomparsa a causa di un tumore. A rendere pubblica la triste notizia è stata la sua manger Ellen Lubin Sanitsky. 

Markie Post è morta

Lutto nel mondo del cinema: Markie Post è morta. L’attrice, classe 1950, era nata a Palo Alto in California ed è scomparsa a 70 anni.

La triste notizia è stata annunciata da Dead Line, che ha avuto modo di sentire la sua manager Ellen Lubin Sanitsky. Il decesso dell’interprete è stato causato da un terribile cancro, contro il quale combatteva da quattro anni. 

Markie Post è morta: l’annuncio

La manager Ellen Lubin Sanitsky ha fatto sapere che Markie Post è morta sabato 7 agosto 2021, circondata dall’affetto dei suoi cari. Famosa per aver vestito i panni del difensore d’ufficio Christine Sullivan in Giudice di notte per ben 159 episodi, l’attrice aveva un tumore da quattro anni, ma la malattia ha avuto la meglio. L’annuncio della sua morte arriva ad un mese di distanza da quello di Charlie Robinson, coprotagonista di Giudice di notte.

Markie Post è stata sposata prima con Stephen Knox, poi con Michael A. Ross. Da quest’ultimo ha avuto due figlie. 

Markie Post è morta: la carriera

Il personaggio più famoso interpretato da Markie Post, come già sottolineato, è stato quello vestito nella sitcom Giudice di notte, andata in onda tra il 1984 e il 1992. Prima di questo ingaggio, l’attrice aveva preso parte a ben 65 episodi di Professione pericolo. Tra gli altri suoi ruoli di spicco, si ricordano quelli in: Scrubs, Chicago P.D., Card Sharks, Chips, L’incredibile Hulk e Buck Rogers.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Stasera in tv 8 agosto: la programmazione completa

Meghan Markle, le accuse della sorella: “Una persona crudele”

Leggi anche
Contents.media