Notizie.it logo

Sanremo 2019, Ultimo duetta con Fabrizio Moro

ultimo

Nella quarta serata del Festival di Sanremo dedicata ai duetti, Ultimo salirà sul palco dell'Ariston insieme a Fabrizio Moro.

La quarta serata del 69° Festival di Sanremo è quella dedicata ai duetti. Ognuno dei 24 cantanti in gara si esibirà con un collega, ma anche con ballerini o attori, a seconda delle proprie preferenze. Ultimo, con il suo brano I tuoi particolari, ha scelto di salire sul palco dell’Ariston con Fabrizio Moro. Cosa ci dobbiamo aspettare dalla loro performance?

Chi è Fabrizio Moro?

Ultimo, in gara al 69° Festival di Sanremo con il brano ‘I tuoi particolari’, è uno dei cantanti preferiti per la vittoria. Il ragazzo, nella quarta serata sanremese, quella dedicata ai duetti, salirà sul palco dell’Ariston con il collega Fabrizio Moro. Quest’ultimo non ha bisogno di presentazioni, ma, oltre ad averlo visto già diverse volte al Festival e ad Amici di Maria De Filippi, cos’altro sappiamo su di lui? La sua carriera può essere divisa in due parti: gli esordi e l’affermazione, ma procediamo con ordine. All’anagrafe Fabrizio Mobrici, nasce a Roma il 9 aprile 1975 da genitori di origini calabresi.

Il cantante, con la passione per la musica e per il mondo del cinema fin da bambino, ha studiato all’Istituto per la cinematografia e la televisione Roberto Rossellini. Durante gli studi ha iniziato a suonare con diversi gruppi musicali e a esibirsi in alcuni locali romani, alternando il genere pop rock a cover di band come The Doors, Guns N’ Roses e U2. L’esordio arriva nel 1996 quando pubblica il primo singolo ‘Per tutta un’altra destinazione’, mentre il primo album, dal titolo ‘Fabrizio Moro’, esce nel 2000. In questo stesso anno partecipa al Festival di Sanremo nella sezione Giovani con il brano ‘Un giorno senza fine’. Nonostante il pezzo fosse valido, Fabrizio non riceve la giusta attenzione e prima di ripresentarsi sul palco dell’Ariston aspetta fino al 2007 quando, con la canzone ‘Pensa’, riesce a toccare le corde giuste. Con questo pezzo, che ancora viene regolarmente trasmesso dalle radio, oltre ad aggiudicarsi la vittoria, riceve il Premio Mia Martini, arrivando finalmente ad ottenere il successo che merita.

Nel 2008 torna al Festival, gareggiando con il brano ‘Eppure mi hai cambiato la vita’, ottenendo il terzo posto per la categoria Big. Nel 2009 torna a Sanremo come ospite affiancando Fausto Leali e nel 2010 torna come concorrente con il brano ‘Non è una canzone’.

Il successo di Fabrizio Moro

Ai successi sanremesi, nel 2011, Fabrizio affianca il lavoro da discografico, fondando la sua etichetta indipendente ‘La Fattoria del Moro Publishing’ e pubblicando con lei il nuovo album intitolato ‘Atlantico Live’. All’interno del disco, il cantante inserisce un brano molto importante, ‘Fermi con le mani’ dedicato alla delicata vicenda di Stefano Cucchi. La carriera di Moro non si ferma di certo qui e intraprende la strada di paroliere, scrivendo brani molto importanti per Noemi: ‘Sono solo parole’, ‘Se non è amore’ e ‘Buongiorno alla vita’. Si apre così anche la strada delle collaborazioni: Stadio, Emma Marrone, Elodie e Valerio Scanu. Nel frattempo, Moro continua a lavorare non solo alla sua musica, pubblicando diversi album, ma sbarca anche in Tv, nel ruolo di professore di Amici di Maria De Filippi.

Un’occasione che gli dona una popolarità immensa e che lo fa apprezzare anche dal grande pubblico, tanto che nel 2017 torna al Festival di Sanremo come Big e con il brano ‘Portami via’ vince il Premio Lunezia e ottiene un successo di critica pazzesco. Nel 2018 invece, in coppia con Ermal Meta conquista la vittoria con il brano ‘Non mi avete fatto niente’. A Sanremo 2019 duetta con Ultimo, con il quale ha già realizzato un brano, ‘L’eternità (il mio quartiere), e tra loro c’è molta sintonia, tanto che il giovane cantante in gara al Festival somiglia molto a Fabrizio, sia nello stile che nelle movenze. Cosa ci dobbiamo aspettare da questa coppia? Le aspettative sono molto alte, anche perché Fabrizio è considerato una garanzia di successo.

© Riproduzione riservata
Leggi anche