Notizie.it logo

Morte Nadia Toffa, Dj Aniceto: “Chiedo umilmente scusa”

nadia toffa

Dj Aniceto, ex volto del Chiambretti Night, ha chiesto pubblicamente scusa a Nadia Toffa e alla sua famiglia

Dj Aniceto, ex volto del Chiambretti Night, ha rilasciato una breve intervista all’Adnkronos e ha pubblicamente chiesto scusa a Nadia Toffa e alla sua famiglia per alcune dichiarazioni fatte qualche mese fa. La conduttrice de Le Iene è morta il 13 agosto 2019 dopo aver lottato per quasi due anni contro un brutto cancro al cervello.

Morte Nadia Toffa: le scuse del Dj

Nadia Toffa ci ha lasciato soltanto qualche giorno fa e la sua mancanza si fa già sentire. La conduttrice de Le Iene è morta dopo aver combattuto per quasi due anni contro un terribile tumore al cervello. I funerali si terranno il 16 agosto nella cattedrale di Brescia, sua città natale. In questo periodo molto difficile, Nadia ha lottato non solo con il cancro, ma anche con le tantissime persone che non hanno mai apprezzato il modo in cui ha parlato della malattia. Tralasciando gli haters, che hanno sputato odio per il gusto di farlo, altri soggetti hanno attaccato la Toffa per quanto ha scritto nel libro ‘Fiorire d’inverno’.

Nello specifico, in molti non hanno gradito la sua definizione di “dono” in merito al tumore. Tra i tanti volti che si sono scagliati contro di lei, c’è anche Dj Aniceto che aveva dedicato a Nadia un video social dal titolo ‘Cara Nadia Toffa il cancro non è un dono, è la mer*a!!!’. L’uomo, membro della Consulta per le Politiche antidroga a Palazzo Chigi, aveva dichiarato: “Sono felicissimo che sei riuscita a vincere questa battaglia, questo dramma, ma dire che il cancro è un dono è una cosa sbagliata. E dirlo e ribadirlo in un libro è veramente mostruoso perché quando mercanteggi la morte offendi tutti i malati di cancro e tutte le loro famiglie, offendi chi purtroppo non ce l’ha fatta a vincere questa battaglia. No cara Nadia, il cancro fa schifo, non è un dono, sempre. Il cancro è una mer*a!’”. Adesso, dopo la morte della Toffa, Dj Aniceto ha deciso di chiederle scusa.

Le scuse di Dj Aniceto

Quando Nadia parlò del cancro come “un dono”, purtroppo non venne compresa appieno.

Dj Aniceto, intervistato dall’ Adnkronos ha dichiarato: “Quando ho letto che Nadia Toffa è morta per me è stato come un pugno allo stomaco. Mi ha addolorato profondamente e mi ha fatto riaprire una vecchia ferita che non si è mai rimarginata, la perdita di mia sorella a causa di un cancro. Ieri ho lanciato un messaggio su Instagram dove ho mandato un bacio lei e a tutta la sua famiglia e a tutte le persone che le volevano bene. Col senno del poi sento l’esigenza di chiedere umilmente scusa a lei e alla sua famiglia per quel video in cui mi scagliai contro di lei ma lo feci in buona fede”. Dj Aniceto ha capito di aver sbagliato e il fatto che abbia chiesto scusa è da apprezzare. L’uomo ha concluso: “Quando Nadia presentò il suo libro ‘Fiorire d’inverno’, dove spiegava sui social che ‘era un dono di Dio avere un tumore’ mi arrabbiai molto.

Ho perso una sorella in due mesi per colpa del cancro e lì per lì pensai che stesse facendo un’operazione pubblicitaria per lanciare il suo libro. In un video quindi mi scagliai contro di lei perché, dopo aver passato questa terribile esperienza con mia sorella, che per me era una seconda mamma, visto che la mia morì quando ero molto piccolo, mi infuriai molto quando lessi quelle cose”. Di certo, la famiglia di Nadia Toffa avrà apprezzato il gesto. Ci auguriamo che anche altri seguano l’esempio di Dj Aniceto.


© Riproduzione riservata
Fabrizia Volponi
Fabrizia Volponi nata ad Ascoli Piceno nel 1985. Laureata in "Scienze Storiche" e in "Scienze Religiose", sono da sempre appassionata di lettura e di scrittura. Divoro libri e li recensisco sul mio Blog Libri: medicina per il cuore e per la mente. Lasciatemi in una libreria, possibilmente piccolina e vintage, e sono la donna più contenta del mondo.
Leggi anche
  • ZumbaZumbaLa zumba è una nuova disciplina corporea, che è stata messa a punto negli anni novanta in Colombia, da un coreografo e ...