Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Camihawke, Camilla Boniardi: chi è l’influencer

camihawke

Chi è Camihawke? Ecco tutto quello che dovete sapere su questa ragazza: carriera, vita privata e curiosità! Scopriamolo insieme...

Camilla Boniardi, per gli amici del web Camihawke, è una vera e propria star del web puntando sulla sua passione per la comicità. Si presenta come un “animale domestico” che vive aspettando l’ora di cena e che divorerebbe lasagne full time, come se non ci fosse un domani. Lunghissimi capelli rosso scuro, viso che buca lo schermo con graziose lentiggini ed occhi magnetici, sono gli elementi che completano il talento comico di questa giovane donna. Bella, intelligente, simpatica e decisamente autoironica: ecco tutte le caratteristiche vincenti di Camihawke ma, scopriamo qualcosa di più su di lei…

Camihawke

Il successo di Camihawke iniziò con la pubblicazione di alcuni esilaranti video su Facebook. Da piccola sognava di fare il medico ma, si sa, la vita fa il suo percorso e alle volte ci catapulta in situazioni del tutto inaspettate. Così Camilla, dall’aver pubblicato qualche video simpatico per gioco, si ritrova adesso con una schiera di quattrocemila followers (sempre in aumento) che la seguono in tutte le sue iniziative.

C’è da chiedersi cos’abbia di diverso questa Camihawke da destare tanto interesse.

Innanzittutto, non troverete foto volgari o seminude (cosa rarissima nel mondo del web) ma sempre scatti molto belli e sensati. Inoltre, anche per gli stessi addetti ai lavori, è difficile riuscire a capire se Camihawke abbia dietro di sè una qualche collaborazione, oppure se condivida solamente i prodotti che le interessano davvero. Per dirla in altre parole, adotta una tecnica di product placement (cioè piazzare prodotti dove meno te l’aspetti) in maniera talmente spontanea, da sembrare davvero un consiglio dato da lei e non uno spot pubblicitario. Dove sarà la verità? Ancora non è ben chiaro…

Quindi, in sintesi, quali motivi dovremmo avere per seguire Camilla Boniardi sui social? Per le sue foto perfettamente studiate tanto da attirare likes alla prima occhiata, ma che al tempo stesso non sembrano artefatte. Per la sua vena iper ironica ed autoironica nella cui “sfiga” giornaliera ci si può immedesimare subito e soprattutto per le sue celeberrime “rece umili”, cioè le “recensioni umili” di film, telefilm e show televisivi: assolutamente esilaranti.

Non mancano poi post scanzonati in cui italianizza parole inglesi “prendendosi gioco” (mai in maniera cattiva o offensiva) dei tanti protagonisti dei social che aggiungono inglesismi con effetti orrendi e fuori contesto.

Camilla Boniardi carriera

Dopo i primi video dell’era “Facebookiana”, per Camihawke si aprono le porte del successo web quando apre il suo canale Youtube riuscendo, in brevissimo tempo, a catalizzare l’attenzione di moltitudini di followers che la seguono ormai affezionatissimi in tutte le sue (dis)avventure.

La carriera di Camilla Boniardi può essere vista come quella di una influencer borderline nel senso che utilizza i social in maniera del tutto personale ed atipica, rispetto alle sue colleghe e forse, è stata proprio questa la vera arma vincente. Sarà per questo che lei stessa odia definirsi influencer ma preferisce essere considerata come qualcuno che da dei consigli ad amici sul web. C’è da dire poi che lei non si è improvvisata del tutto: ha lavorato anche per Radio2, prima del boom social.

Durante un’intervista di qualche tempo fa, quando le è stato chiesto come fosse una sua giornata tipo e in che modo prendono vita i suoi post e le sue “stories”, Camihawke ha risposto dicendo: “In realtà è molto meno semplice di quanto si possa pensare.

La parte che mi occupa più tempo è la scrittura, che chiaramente viene sempre dopo l’idea. Quando hai queste due cose poi è tutto in discesa, anche se filmo e monto tutto da sola, quindi serve proprio del tempo materiale. La mia fortuna è che ho una agenzia, che poi sono amici, veramente molto presente, per qualsiasi cosa loro ci sono, se ho dei problemi di qualsiasi tipo loro mi aiutano. La mia giornata tipo? Dipende dal periodo! In questi giorni non ho neanche tempo di pensare a quanto tempo mi rimane per fare tutto quello che devo fare, sono sempre di corsa. Però ci sono anche periodi più tranquilli”.

Invece, a proposito del suo ruolo di “influencer” ha commentato: “Influencer è un termine che mi fa venire i brividi. Influenzo cosa? Al massimo consiglio a qualcuno di assaggiare uno yogurt perché è molto buono, ma come farebbe un amico in mensa. La moda per me è un apostrofo rosa tra le parole tuta di felpa, quindi da questo lato zero assoluto.

Dunque no, non mi definirei assolutamente così. Mi piace pensare che ho tanti amici virtuali (alcuni anche reali, per fortuna) a cui racconto (parte) delle mie sfighe, e spesso vengo ricambiata con altrettanti racconti rocamboleschi. E questo è molto divertente, siamo una grande famiglia con scritto in fronte mal comune mezzo gaudio”.

La bravura e la bellezza di Camilla Boniardi hanno colpito anche l’ancor più famoso Roberto Saviano il quale, nel dedicarle una delle copie del suo libro Bacio feroce, ha scritto: “A Cami, alle sue lentiggini”.

Camilla Boniardi vita privata

Anche se la famosa Camihawke condivide molte delle esperienze che vive sui suoi canali social, va detto che in realtà della sua vita privata si sa poco o nulla. Camilla Boniardi nasce a Monza, il 1990, è laureata in giurisprudenza ed è fidanzata con il front man della band di Perugia Fast Animals and Slow Kids, Aimone Romizi.

Altro dato certo della sua vita privata è che adori la musica e che ne abbia una conoscenza piuttosto variegata. Questo elemento si è dimostrato molto utile durante la sua esperienza come speaker radiofonica a Radio2. Inoltre, adora mangiare ed il suo piatto preferito è la pasta in generale ma la lasagna in particolare: ne mangerebbe a non finire.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
  • ZumbaLa zumba è una nuova disciplina corporea, che è stata messa a punto negli anni novanta in Colombia, da un coreografo e ...