Whitney Houston morta: le foto della camera del Beverly Hilton spuntano sul web

Sono passati appena tre giorni dall’annuncio shock della morte di Whitney Houston, deceduta in circostanze ancora da appurare.

Nonostante l’autopsia sia stata già completata, i risultati sono stati “secretati” per ragioni di sicurezza, ma il gossip che sta facendo tam-tam sul web, già ipotizza un decesso per cause di droga e alcol.

Il sito TMZ, specializzato nel dare scoop come accadde per la morte di Michael Jackson, è stato il primo ad entrare in possesso delle esclusive immagini della camera d’albergo dove la Houston ha perso la vita.

Nelle fotografie qui sopra si vedono, a sinistra, l’ultimo pasto consumato dalla cantante: hamburger, patatine  con una lattina di birra e un bicchiere di chamapagne; nell’immagine a destra, il pavimento del bagno, dove Whitney si era portata il vassoio contenente del club sandwich, con l’intento di consumarlo durante il bagno nella vasca dove, poi, è stato rinvenuto il suo corpo ormai privo di vita.
Secondo quanto ipotizzato da TMZ, grazie a questi documenti esclusivi, la Houston sarebbe morta in seguito ad un mix letale di medicinali che le erano stati prescritti e alcol (la birra e lo champagne). Questo cocktail avrebbe provocato un arresto cadiaco alla cantante, proprio mentre era immersa nella vasca da bagno.
In attesa dei risultati ufficiali dell’esame autoptico, è stata confermata la notizia secondo cui i funerali della cantante, si terranno in forma privata presso la New Hope Baptist Church, a Newark, chiesa dove Whitney, da piccola, cantava nel coro gospel.

Per tutte le immagini: lucywho; tmz

LINK UTILI

Whitney Houston morta: esibizioni dei ragazzi di Amici (video)

Whitney Houston morta: il cordoglio delle star su Twitter

Whitney Houston morta: foto, video e link per sapere tutto su di lei

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Festival Sanremo 2012: Adriano Celentano lo show contro la gara

SIAE, Anart, Fondo di Solidariet… e autori tv: riunione 21 febbraio

Leggi anche
Contents.media