Una superficiale fiction su Giovanni Falcone

Si sarebbe dovuto fare di più, soprattutto perchè Giovanni Falcone è stato un simbolo del nostro paese; non basta sbattere in video due bravi attori – Massimo Dapporto (Falcone) ed Emilio Solfrizzi (Borsellino) -, truccati e acconciati a dovere, per poter fare una fiction seria.
Non basta
che i due si limitino a copiare le espressioni dei due giudici uccisi dalla mafia.
Non basta
buttare lì una sceneggiatura che ricalchi a grandi linee le indagini per rendere giustizia ad una figura così importante.

E poi è assurdo il ruolo di Paolo Borsellino: un giudice che parla poco, che appare spesso svogliato e pensa solo a cenare con gli amici e a dormire.
Non viene fuori nulla delle loro personalità, nè di quella di Borsellino, nè di quella di Falcone: non c'è stato un minimo di approfondimento nella prima puntata di Giovanni Falcone.
La seconda, questa sera, non sarà diversa.
Si è gettata al vento un'interessante opportunità.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Tv di qualità: Prix Italia premia i migliori programmi del mondo, Mediaset trasmette Disonore e Disprezzo per Giovanni Falcone

Se Falcone e Fazio fanno volare la RAI forse c'Š da riflettere

Leggi anche
Contents.media