Home » Televisione » Chicche Tv » Un, due, tre…caciotta! Reality, genere o parodia?

Un, due, tre…caciotta! Reality, genere o parodia?

| , ,

I video in fondo al post esprimono tre diverse visioni del genere televisivo più discusso, criticato, amato e odiato: il reality.

Il primo filmato mostra i 10 minuti iniziali di Dragon's Den, programma della BBC candidato all'Oscar dei format, ovvero al premio più ambito dai dirigenti televisivi di tutto il mondo (me ne sto occupando nello Speciale Oscar dei Format 2007 descrivendo una per una tutte le 72 nomination, con corredo di link ai siti ufficiali).

Dragons Den, come scrivevo nella scheda che lo riguarda, è una gara a cui partecipano inventori di business innovativi che devono convincere gli investitori a finanziarli.

Nel secondo filmato, un gruppo di ragazzini anglosassoni rifà il verso a questo popolare format e propone alla giuria dei potenziali finanziatori un affare lugubre e cruento.

Una parodia divertente, molto ben costruita e girata.

Il terzo video è tratto dal "reality della caciotta" che va in onda su internet da ormai 105 giorni, ed è imparentato con l'interlocutorio "Un due e Tre…Stalla!" di Canale 5 per via dell'evocazione campagnola.

La caciotta in questione è una forma di cheddar, tipico formaggio britannico, promossa per l'occasione a protagonista di una Tv on line messa in rete da un caseificio del Somerset.

Collegandosi con CheddarVision.tv, i websurfer possono seguire la lenta maturazione del latticino in diretta 24 ore su 24 grazie ad una web cam sempre accesa.

Il filmato che propongo giù accellera il processo di stagionatura della caciotta: non è un grande show, ma è pur sempre più vivace dell'immagine fissa sulla forma immobile!

Cheddarvision non è comunque una parodia di Un due e Tre…Stalla (che ha cambiato autori, passando da Simonetta Ercolani a Maria De Filippi, e sperimentato più collocazioni in palinsesto del "peripatetico dell'auditel" Maurizio Costanzo).

Non lo è per un preciso motivo.

Perchè la costruzione forzata, artificiosa e macchiettistica dei contadini, ha ormai reso la Stalla della D'Urso ed i reality basati sulla caricatura della realtà una parodia del genere reality che non necessita di ulteriori scimmiottature burlesche.

Tutto lavoro risparmiato per la Gialappa's…

Parodia no, ma a ben pensarci è una estensione del format di Mediaset: 1, 2, 3, 4, 5, ecc. ecc, fino a completa maturazione della caciotta!

Uno spettacolo decisamente più spassoso dei monologhi mal recitati dai mezzadri di Barbara d'Urso!   
Tornerò a postare su Format da martedì 10 aprile, riprendendo dallo Speciale Oscar dei Format 2007 in fase di costruzione, in cui sono già disponibili le schede delle categorie Reality, Show, Soap e Sitcom. Buona Pasqua!

Scritto da Style24.it Unit

Scrivi un commento

1000

Katie Holmes lascia Tom Cruise: che barzelletta!

Nasce la categoria "Segnalato da voi"!

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.