Notizie.it logo

Teresa Cilia diffidata da Uomini e Donne? Lo sfogo del marito Salvo

teresa cilia

La polemica nata attorno a Uomini e Donne non accenna a placarsi: Salvatore Di Carlo, marito di Teresa Cilia, sostiene che lei sia stata diffidata

La polemica nata attorno a Uomini e Donne non accenna a placarsi. Dopo l’ultimo comunicato da parte della redazione, a parlare è Salvatore Di Carlo, marito di Teresa Cilia. Il ragazzo, attraverso una serie di Instagram Stories, ha chiarito sia la sua posizione che quella della sua dolce metà. Possibile che l’ex tronista siciliana sia stata diffidata da Raffaella Mennoia & Co.?

Teresa Cilia diffidata da Uomini e Donne?

Uomini e Donne non sta vivendo un periodo del tutto tranquillo. Nonostante il programma di Maria de Filippi sia in vacanza per la pausa estiva, qualche volto noto ha pensato bene di movimentare gli animi. Stiamo parlando della polemica che è nata da Teresa Cilia e Mario Serpa. Mentre quest’ultimo ha fatto delle dichiarazioni lampo e abbastanza velate, l’ex tronista siciliana si è spinta molto oltre, arrivando a scagliarsi contro Raffaella Mennoia. Teresa, che oltre ad aver trovato marito nella trasmissione della Queen Mary ha fatto parte del suo staff per anni, ha dichiarato che il braccio destro della De Filippi agirebbe alle spalle di tutti manovrando un po’ l’andamento del programma.

La redazione di U&D, dopo un primo comunicato è scesa nel silenzio, per poi tornare ‘online’ con un messaggio scritto da Claudio Leotta. Quest’ultimo, ovviamente, difende sia il suo operato che quello di tutti i suoi colleghi. Tra le tante cose, l’autore ha dichiarato: “Abbiamo letto cose infondate e, purtroppo, offensive. Una su tutte che la redazione di Uomini e Donne, e in particolare Raffaella Mennoia, fossero a conoscenza del fatto che una tronista, per tutta la durata del Trono, fosse fidanzata. Chi segue Uomini e Donne sa perfettamente che non è così. Ogni qualvolta si è verificato che qualcuno avesse utilizzato il programma per propri scopi mentendo sul proprio stato sentimentale, ne è stata data immediata notizia al pubblico”. Davanti a queste parole, la Cilia, che aveva promesso di raccontare la sua verità, è rimasta molto vaga e ha solo sbraitato contro i fan che le hanno scritto che se non si decide a parlare riceverà molti ‘unfollow’.

Al suo posto, però, ha parlato il marito Salvatore Di Carlo.

Le parole di Salvatore

A tutti è sembrato un po’ strano il silenzio di Teresa, ma, come ribadito anche da lei, in ballo ci dovrebbero essere cose grosse, per cui è anche giusto che lei si tuteli da un punto di vista legale. Visto che la Cilia non ha più ripreso in mano l’argomento, il marito Salvatore lo ha fatto al posto suo. L’ex corteggiatore di Uomini e Donne, attraverso una serie di Instagram Stories, ha dichiarato: “Io sto parlando, dovevo farlo prima, però sono successe alcune cose, come la scomparsa prematura di Nadia Toffa, come tutti sappiamo, quindi non mi sembrava il caso di parlare, perché penso che nella vita ci vuole anche un po’ di tatto e un po’ di rispetto per le situazioni, quindi non me la sentivo e non mi sembrava corretto. Comunque se c’è stato, se c’è e se ci sarà silenzio, spero che capiate il motivo per cui c’è tutto questo silenzio.

Se io sto parlando è perché non ho diffide e non ho nulla, quindi posso parlare!”. Ed ecco svelato l’arcano. Stando a quanto dichiara Salvo, la sua dolce mogliettina avrebbe ricevuto una diffida per cui non può esprimersi sull’argomento. Possibile che la redazione abbia ‘minacciato’ legalmente la Cilia? Se così fosse, una domanda sorge spontanea: perché diffidare una persona se si è convinti che i suoi racconti corrispondano al falso?


© Riproduzione riservata
Fabrizia Volponi
Fabrizia Volponi nata ad Ascoli Piceno nel 1985. Laureata in "Scienze Storiche" e in "Scienze Religiose", sono da sempre appassionata di lettura e di scrittura. Divoro libri e li recensisco sul mio Blog Libri: medicina per il cuore e per la mente. Lasciatemi in una libreria, possibilmente piccolina e vintage, e sono la donna più contenta del mondo.
Leggi anche