Star Academy, lo show dove perdono i musicisti! (video)

L’erede di X Factor punta sulla musica e snobba i cantanti. Un affollato concerto fatto da sconosciuti che non appassiona. Ecco perchè…

Al via Star Academy, “lo show dove vince la Musica!”, secondo il claim.

Ed è proprio questo il limite dell’erede in Rai di X Factor, plasmato da Endemol sull’antenato Operazione Trionfo (vedi i concorrenti del 2002: tutti scomparsi!).

E’ tarato sulle performance’s collettive e non sulla tensione della gara e sulla costruzione dei personaggi.

Che talent è se non ruota attorno ai protagonisti?

E’ un po’ come vedere un bel concerto pop, ma interpretato da persone che non appassionano perchè nulla sappiamo di loro.

L’impressione che ho avuto è di un affollato luna park.

Una giostra in cui salgono a turno i ragazzi, assistiti da premurosi mentori-genitori e osservati da ingannevoli orchi che decidono se farli divertire ancora o rispedirli a casa con lo zucchero filato in mano.

Una gran ressa che restituisce l’immagine simmetrica della discografia attuale: c’è troppa gente!

E’ la solita storia: il 99,9% dei cantanti è destinato a scomparire.

Ieri c’era Marco Mengoni tra gli ospiti (Format ha tifato per lui da subito intuendone il genio singolare!) che è praticamente l’unico che farà carriera, assieme forse a Giusy Ferreri, tra centinaia di cantanti passati dall’ X Factor della Rai.

Nessuno più: un passaggio a Sanremo di altri o una canzone scritta da Vasco Rossi per Noemi non sono certo garanzia di successo popolare di lunga durata.

Semmai, di benevolenza arbitraria delle alte sfere nei confronti di qualcuno.

Perchè dunque spendere soldi, anni della propria vita sperando di vincere un terno al lotto? Facile a dirsi: è anche vero che ognuno ha diritto di tentare.

In ogni caso, dispiace per loro.

Tra i concorrenti ho notato Fabio Migliorati, un ragazzo di talento che buca il video, con una faccia simpatica da Morandi anni 2000 (nel video in basso, canta una hit di Mengoni)

A Castrocaro 2011, dove si è affermato, ho tifato per lui.

Credevo avesse conquistato con il secondo posto in un festival importante un po’ di credito discografico.

Invece no: anche lui destinato a girare sulla giostra di Rai2, rischiando di scendere da un momento all’altro.

Peccato illudere tanta gente con le Fiere dei Sogni che mirano solo all’audience!

Uno su mille ce la fa: la matematica non è un opinione.

E neppure la statistica!

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

George Clooney Berlusconi: anche lo scapolo d'oro di Hollywood, alle cene con il Premier

Amici di Maria De Filippi 2011: la prima puntata

Leggi anche
Contents.media