Salmo investito da un auto: lo spot del nuovo album genera polemiche

Salmo investito da un auto: lo spot del nuovo album fa infuriare l'Associazione Italiana Vittime e Infortuni della Strada.

Per pubblicizzare il nuovo album intitolato Flop, Salmo ha pensato di lanciare uno spot che sta facendo discutere molto. Un manichino con le sue sembianze viene investito da un auto davanti alla Stazione Centrale di Milano: la polemica è nata in un lampo. 

Salmo investito da un auto: lo spot

Salmo investito da un auto. No, non è la realtà, ma una trovata pubblicitaria per lanciare il nuovo album intitolato Flop. Fuori dalla Stazione Centrale di Milano è stato installato un manichino con le sembianze dell’artista.

Il fantoccio viene investito da un auto con la scritta Spotify. Lo spot ha generato numerose polemiche, prima fra tutte quella dell’Associazione Italiana Vittime e Infortuni della Strada (Aivis). 

Salmo investito da un auto: interviene l’Aivis

Manuela Barbarossa, Presidentessa dell’Aivis, ha espresso il suo pensiero su MoW – Men on Wheels. Ha dichiarato:

“Ci dispiace, che per lanciare un prodotto come una canzone o qualsiasi altra cosa si utilizzino strumenti di questo genere. Si sta passando quel limite che non andrebbe mai passato, cioè di usare strumentalmente tutto. Purtroppo, ci hanno ormai abituati a utilizzare qualsiasi cosa, dal corpo alla dignità, tutto messo sotto forma di spettacolo. Si è sdoganata questa ‘deriva esistenziale’, così la definirei, e forse non ci si rende fino in fondo conto di quello che porta questa direzione”.

Effettivamente, vedere Salmo investito da un auto con il solo scopo di lanciare un album non è rispettoso per le tante famiglie delle vittime della strada. 

Salmo investito da un auto: le accuse dell’Aivis

La dottoressa Manuela Barbarossa ha sottolineato che lo spot di Salmo dimostra che è stato superato ogni limite. La Presidentessa dell’Aivis ha concluso: 

“Tutto è diventato strumentalizzabile, tutto è merce di scambio. Dispiace perché vuol dire non riflettere fino in fondo su quello che si sta facendo. Stiamo normalizzando l’anormale. Non mi sembra neppure di cattivo gusto, rientra in questa mentalità sdoganata socialmente. Salmo, come tanti altri, riducono tutto a merce. Di certo non è encomiabile da parte sua. Lui che vorrebbe distinguersi, in realtà rientra a pieno titolo nella massa”. 

Al momento, Salmo non ha replicato alle accuse, ma si è limitato a sottolineare che Flop gli ha “salvato la vita“. 

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Manuel Bortuzzo, problemi di salute: il nuotatore è a rischio abbandono?

Netflix, aumento dell’abbonamento: dettagli e nuovi prezzi

Leggi anche
Contents.media