Sallusti arrestato e in carcere: la giusta battaglia e la vergogna

Alessandro Sallusti, dopo la violazione degli arresti domiciliari, viene portato in carcere a San Vittore. La sua scelta va apprezzata: consente di mostrare al mondo che in Italia, come nei peggiori regimi, la legge mette in galera i giornalisti

Alla fine Alessandro Sallusti ha ottenuto quello che voleva: dopo aver violato gli arresti domiciliari, essere stato prelevato dalla polizia questa mattina nella sede de Il Giornale e scortato a casa di Daniele Santanché, essere “evaso” una seconda volta, è finalmente finito a San Vittore.

Advertisements

Qualcuno potrà pensare che l’atteggiamento del direttore del Giornale sia strumentale, che sia tutta una messa in scena per vestire i panni del paladino della libertà di stampa e diventare un caso nazionale (e forse non solo).

Non mi voglio esprimere su questo, a dir la verità non mi interessa. Non sono certo un fan del direttore de Il Giornale, su questo blog l’ho attaccato pesantemente più volte definendolo un cameriere di Berlusconi o pure peggio, ma questa volta credo che la sua battaglia sia giusta e condivisibile. La decisione di non accettare una scappatoia di comodo e da privilegiato, quella appunto di finire agli arresti domiciliari, ma di farsi chiudere in galera come prevede la normativa, consente di mostrare a tutto il mondo la vergogna della legislazione italiana sulla stampa. Norme che prevedono il carcere per i giornalisti (o i blogger, chiaramente) che scrivono la cosa sbagliata. E non importa quanto sbagliata possa essere, importa che sembriamo la Corea del Nord, rendiamocene conto!

LINK UTILI:

Sallusti carcere: domiciliari a casa di Daniela Santanché

Legge bavaglio, Pd e Udc duri: non faremo passare il testo

Ddl diffamzione Senato: c’è l’ok, Sallusti va in carcere

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Amanda Knox Canale 5 film: il 3 dicembre 2012 in prima serata

The XX in concerto a Milano: domenica 2 dicembre

Leggi anche
Contents.media