Sal Da Vinci aggredito per difendere Fatima Trotta: “Giustizia”

Un grande spavento per Sal Da Vinci: il cantante è stato aggredito da un uomo mentre tentava di difendere Fatima Trotta.

Il cantante e attore napoletano Sal Da Vinci è stato vittima di una spiacevolissima disavventura mentre si trovava su un piroscafo insieme ad alcune delle cantanti con cui si era esibito la sera precedente (tra cui Fatima Trotta) e la sua famiglia.

Advertisements

Sal Da Vinci aggredito: i fatti

Con un comunicato diffuso via social il cantante Sal Da Vinci ha spiegato di esser stato aggredito per quello che si sarebbe potuto concludere come un banale diverbio tra vicini di posto in piroscafo. Le cantanti che erano con lui (compresa l’artista di Made in Sud Fatima Trotta, che si era esibita col cantante la sera precedente) sarebbero state appellate in malo modo da un uomo dopo che avrebbero spostato – al fine di non rovinarlo mentre sistemavano le valigie – un vassoio di pasticcini. Sal Da Vinci sarebbe intervenuto per chiedere all’uomo di non rivolgersi in quel modo a delle signore, ma lui per tutta risposta gli avrebbe sferrato un pugno sulla mascella e poi, a seguire, avrebbe rotto un labbro a suo figlio – messosi in mezzo nel tentativo di difendere il padre.

Visualizza questo post su Instagram

Un post condiviso da Sal Da Vinci (@saldavinciofficial) in data: 2 Set 2020 alle ore 11:32 PDT

“Quest’uomo è arrivato a minacciarmi, dicendo di sapere chi sono e dove abito. Lo schiaffo me lo dai tu e te lo do io, ma la minaccia non la tollero. E se la giustizia non prenderà provvedimenti a proposito di questa persona, io lascerò questo Paese, perché vorrà dire che io non posso più vivere in un posto così”, ha raccontato Sal Da Vinci a proposito dell’episodio che fortunatamente non è degenerato grazie ad alcune persone intervenute per placare la rissa.

Scritto da Alice
Categorie Gossip Tag
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Robert Downey Jr lascia la Marvel: “Tutto finito”

The Rock, Coronavirus: “Sono positivo, applicate maggiore disciplina”

Leggi anche
Contents.media