Home » Attualità » Personaggi Tv » Questione di stili: Gad Lerner risponde ad Antonio Ricci

Questione di stili: Gad Lerner risponde ad Antonio Ricci

| | , ,

E' essenziale aggiornarvi sulla battaglia Ricci-Lerner. E' arrivata la risposta di Gad a questa delirante lettera delle Veline. Vabbè, delle Veline…

Eh, sì, lo so. Non era nemmeno essenziale aggiornarvi. Pubblico qui sotto la risposta di Lerner solo perchè possiate fare un confronto di tono e contenuto.

Qui la lettera di Ricci.

Qui sotto la risposta 'dell'infedele'.

Cara Costanza Caracciolo e cara Federica Nargi,

se fossi un battutista come il vostro datore di lavoro Antonio Ricci me la caverei esultando: dopo 21 anni di silenzio (telepromozioni a parte) c’è voluta la denuncia dell’Infedele per dare finalmente la parola alle Veline! Ma non sarei sincero. Il vostro videomessaggio ammiccante, con le solite finte risate in sottofondo, mi ha messo tristezza.

Certo, siete ragazze deliziose, come mi ha detto con un sorriso mia moglie Umberta. Ma temo abbia ragione l’amica che mi ha scritto per sms: “Ragazzine imboccate con le parole del padrone, schiave radiose”.

Vi hanno registrate, per precauzione, come inserto separato. Evitandovi, se non altro, di parlare sul tavolo che da anni calcate in veste di taciturni soprammobili. Facciamo pure finta che fosse vostro il testo che leggevate sul gobbo, e nel quale vi siete definite come donne del varietà che fanno la parodia del giornalismo. Il vostro datore di lavoro, Antonio Ricci, prospera da un quarto di secolo su questa ambiguità: si compiace quando lo incensano, e lo premiano, come autore di giornalismo controcorrente, alternativo, nemico del potere; per trincerarsi lesto dietro il paravento della satira e del varietà quando dovrebbe giustificare l’uso furbesco e degradante che fa di voi.

Così Antonio Ricci, formidabile ideologo e finanziatore del berlusconismo, perpetua la versione televisiva dell’Italietta misogina e guardona in cui la donna deve apparire oca e sottomessa per la gioia dei potenti e delle masse. Accampa la scusa di fare il verso al giornalismo che strumentalizza il corpo della donna per vendere di più ma, lungi dal criticarlo, lo adopera a più non posso per confezionare i programmi più visti della tv italiana.

Noi non facciamo spogliarelli, dite. E’ vero: per selezionarvi tra migliaia di aspiranti Veline, il vostro datore di lavoro richiede che vi presentiate davanti alle telecamere, in prima serata, già spogliate. Altrimenti come farebbe a scegliervi? Poi naturalmente Antonio Ricci è il primo a ironizzare sul paese in cui la massima aspirazione delle giovani donne è diventare Velina. Ma che bravo rivoluzionario!

Vi auguro tanta felicità,
Gad Lerner

Il principe Harry è tornato con Chelsy Davy

Sposini, il volto della disperazione

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.