Professione Vacanze, Jerry Cal… e la nostalgia del tempo che fu

Alcuni giorni fa scrivevo a proposito di come il passato venga spesso vissuto con malinconica nostalgia, e di come questo sentimento possa alterare la percezione dei nostri ricordi. Ne ho avuto la conferma giusto l’altra mattina, quando mi sono imbattuto in uno dei telefilm pi— replicati da Mediaset nelle ultime due decadi, cioŠ Professione Vacanze con Jerry Cal….

(per “replicati” intendo riproposti ad ogni ora del giorno e della notte: nel corso degli anni Š andato in onda in prima serata, in seconda serata, il pomeriggio, a notte fonda, nei weekend…

un paio d’estati fa, se non erro, l’ho beccato perfino alle sei del mattino)

Fatto sta che l’ho incrociato su Mediaset Extra mentre facevo zapping e… beh, ho finito per riguardarmi l’intero episodio, anche se l’avevo gi… visto decine di volte. Tradito dai ricordi d’un tempo che fu, appunto, a partire dall’inconfondibile sigla, Lady Godiva di Cristina Hansen. Quand’ero bambino, a digiuno di studi linguistici, la mia mente storpiava ingenuamente “Lady Godiva” in “Enrico-dai-v…!“, che a me suonava bene perch‚ lo vedevo come un riferimento preciso alle disavventure del protagonista, Enrico / Jerry Cal….

Senza parlare dei volti cos tipici di quel periodo: a parte Enrico (Cal…, ai tempi famosissimo), si facevano notare il buffo Saf… (il caratterista sardo Sandro Ghiani), l’occhialuta Lila (da piccolo non capivo perchŠ Enrico non volesse stare con lei; solo dopo ho scoperto che ad impersonarla era la compianta Jenny Tamburi, icona sexy anni ’70, che in un simpatico contrappasso qui recitava il ruolo della “non corrisposta”) e la squinternata Caramella (l’immancabile Gegia, vera prezzemolina del cinema italico senza pretese anni ’80).

E le guest star? Da Mara Venier a Sabrina Salerno (un mito dell’epoca), da Claudio Amendola a Guido Nicheli (il leggendario Zampetti de I Ragazzi della 3ø C), c’era tutto un campionario di personalit… So Eighties.

Pur rendendomi conto che la mia visione Š quasi certamente influenzata dalla nostalgia dei tempi andati, ai miei occhi Professione Vacanze continua a far bene il suo mestiere e ad apparire come un buon esempio di televisione, fatta con pochi mezzi ed idee semplici, che in quegli anni – incredibilmente – funzionava. La serie rende bene l’atmosfera scanzonata dell’estate, delle vacanze e della spensieratezza che dovrebbe accompagnare la villeggiatura: ad un prodotto creato con quest’unico scopo, suppongo non si possa chiedere di pi—.

A proposito, eccovi una secchiata di pura estate anni ’80: la sigla iniziale, “Lady Godiva”. Eeeenrico-dai-v…!

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Marco Travaglio: l'Anestesia totale dell'Italia, a teatro

Pirati dei Caraibi 4: nuove foto e trailer adrenalinico

Leggi anche
Contents.media