Primarie Pdl: ecco i candidati, da Alfano alla Meloni chi vince?

Ecco i candidati alle primarie più pazze del mondo valutati per voi: da Giorgia Meloni che lancia l’orgia delle libertà (Berlusconi l’ha subito appoggiata) al discorso di Vittorio Sgarbi, passando per il labirinto femminile di Alfonso Luigi Marra

Mentre scrivo le primarie del Pdl sono sempre più in forse, con Silvio Berlusconi che insiste per la cancellazione e un Alfano sempre meno determinato a resistere. Ma in queste settimane, con la loro lista di candidati improvvisati e improbabili che manco un cast del più scalcinato reality show, ci hanno fatto quantomeno sorridere.

E allora, vuoi mai che si tengano davvero, proviamo a valutare le chance di vittoria e l’immagine mediatica dei diversi pretendenti alla premiership della destra, con le pagelle semiserie di Teleipnosi (per inciso, quelle che di solito pubblico per Sanremo).

Angelino Alfano 5 – Dalla sua nomina dell’anno scorso, dopo la tranvata del centrodestra alle amministrative, non si è ancora capito quale sia esattamente il suo ruolo: segretario del partito o di Berlusconi? Comunque, per una volta si è ribellato al dispotico padre padrone politico e ha puntato i piedi: le primarie si faranno. Ma pare che stia già trattando la retromarcia

Giorgia Meloni 4 – Pur con tutta la buona volontà, sembra più facile vederla a capo di un condominio che nelle vesti di presidente del Consiglio. Straordinaria la sua pagina Facebook per la discesa in campo: nella foto di copertina compare uno slogan che recita a caratteri cubitali “Vogliamo Giorgia”, ma l’immagine del profilo copre proprio le lettere cruciali e alla fine si legge “Vogliamo orgia” (vedi foto). Berlusconi le ha garantito subito il suo appoggio.

Daniela Santanchè 3 – Decisamente la meno indicata per uscire dal partito di plastica, ma la preferita dagli avversarsi: come lei nessuno mai – pensate al trionfo di Pisapia a Milano – può garantire la vittoria della sinistra.

Alessandra Mussolini 3 – Sembra abbia già deciso di ritirarsi dalla corsa: l’impegno elettorale si sarebbe sovrapposto alle comparsate alla trasmissione di Barbara D’Urso. Estrema delusione tra i ragazzi di Casa Pound: per una volta avrebbero voluto provare il brivido di votare Mussolini su una scheda elettorale.

Vittorio Sgarbi 3 – Già pronto il testo dell’appello finale del critico d’arte per il voto alle primarie, ve ne anticipiamo il testo: “Capra, capra, capra, capra, capra, capra, capra, capra, capra, capra!”

Michaela Biancofiore 2 – Recentemente ha dichiarato che non c’è crisi perché i bar sono pieni di gente che prende il cappuccino. Pronta la risposta di quelli di Spinoza: provi a togliere i salatini dal bancone e vediamo.

Alfonso Luigi Marra 2 – Anche lui, come la Mussolini, pare sia pronto a gettare la spugna. Non è ancora riuscito a trovare l’uscita del labirinto femminile.

Gianpiero Samorì ng – Sembra un incrocio tra Berlusconi, Matteo Renzi e Beppe Grillo ma alla fine, con tutta probabilità, rimarrà un’insignificante meteora. Per ora, si sa che porta gli anziani in gita ai suoi comizi.

Altri link:

Primaire Pd: I fantastici 5 rivelano un genio del male

Primaire Pd su Sky: Bersani, Renzi e Vendola e l’effetto marmellata

Primaire Pd in tv: Bersani, Renzi e Vendola su Sky (e la tv torna centrale)

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Lady Gaga Cake: video teaser in lingerie per Terry Richardson

Jodie Foster ha spento ben 50 candeline

Leggi anche
Contents.media