Papilloma virus uomo: cosa c’è da sapere

papilloma virus uomo

Il papilloma virus, conosciuta anche come HPV, è una infezione genitale ed una malattia sessualmente trasmissibile. Si tratta di una patologia comune che colpisce soprattutto le persone che sono attive sessualmente. Non è una virus rischioso per la salute e non ci sono grandi e gravi rischi. Siccome non ci sono particolari sintomi legati a questa patologia, bisogna fare degli esami per capire se il paziente ha contratto questa patologia.

Nel caso non sapessi nulla di questa infezione o avessi poche informazioni, in questa guida cercheremo di spiegarti tutto quello che è necessario sapere sul papilloma virus nell’uomo. In particolare tratteremo in che cosa consiste, come si manifesta e anche della prevenzione da adottare.

HPV nell’uomo

L’HPV, ovvero il papilloma virus nell’uomo, è considerato una delle infezioni più comuni per quanto riguarda le malattie trasmissibili sessualmente. Questo tipo di infezione si presenta sul corpo con delle lesioni della cute e delle mucose, dette condilomi.

Il virus è conosciuto in quanto è il responsabile del tumore dell’utero nella donna, ma infetta anche l’uomo e portando – talvolta – al cancro al pene, all’ano e all’orofaringe.

Purtroppo è un virus molto comune e circa tre quarti degli individui attive sessualmente rischiano di essere contagiate almeno una volta nella vita. Nonostante questo, la prevenzione è scarsa e individuare la malattia è praticamente impossibile poiché, talvolta, asintomatica.

Questo tipo di infezione è completamente diverso sia dall’herpes che dall’HIV, il virus dell’AIDS. E’ un virus che si trasmette attraverso contatti sessuali e che dà origine a manifestazioni e complicazioni diverse. Non porta nessun tipo di sintomo, sebbene in alcuni ceppi possa essere la causa di alcune verruche genitali. Il problema maggiore di una infezione del genere è la comparsa di tumori intorno all’area genitale oppure del cavo orale. Per questa ragione, si possono sperimentare diversi tipi di tumore:

  • tumore del collo dell’utero
  • tumore della vagina
  • tumore dell’ano
  • forme di tumore orale e tumore alla gola
  • tumore al pene.

E’ bene precisare che il tumore all’ano causato da papilloma virus è ben diverso da quello causato da altri fattori sia per quanto riguarda i sintomi, sia per quanto riguarda soprattutto i rimedi.

Un recente studio ha riportato che negli Stati Uniti il 40% degli uomini ha contratto questo tipo di cancro a causa dell’HPV; 5.600 uomini si ammalano ogni anno per questa ragione di tumore all’oro-faringe. Secondo la statistica sono emersi come particolarmente predisposti alla malattia omosessuali e coloro che hanno un sistema immunitario debole: in quest’ultima evenienza i nostri anticorpi potrebbero essere presi in contropiede dalla malattia.

Cosa c’è da sapere

Se hai contratto questa infezione, ecco tutto quello che è necessario sapere sul papilloma virus nell’uomo. Prima di tutto, è bene sapere che gli uomini possono contrarre questa infezione solo attraverso rapporti sessuali.

Il virus si trasmette attraverso rapporti sessuali di ogni tipo (vaginali, orali, anali), in quanto il contatto con la pelle del partner è sufficiente per avviare il contagio. Per capire se l’uomo ha contratto questo virus, è importante una visita medica specifica presso un andrologo, il quale verificherà se l’infezione è in corso.

In base a quanto affermano gli esperti, il papilloma virus nell’uomo può essere una causa dell’infertilità maschile.

Come prevenire

HPV è l’abbreviazione del papilloma virus nell’uomo ed è una delle malattie che si possono trasmettere solo a livello sessuale. Questo tipo di virus può avere effetti terribili nell’uomo, in quanto può portare al tumore all’ano e al pene. Per contrastare ed evitare tutto questo è necessario prevenire. L’unico modo per farle è sicuramente usare il preservativo nei rapporti sessuali. Questo infatti è uno dei pochi strumenti che sia in grado di garantire la protezione assoluta.

Oltre al preservativo, è anche utile condurre uno stile di vita che sia sano e una alimentazione ricca di vitamine ed equilibrata. Si consiglia di fare un uso moderato dell’alcool ed evitare di fumare. L’unico modo per evitare questo tipo di virus è non avere rapporti sessuali.

Un vaccino può proteggere contro questo virus che causa verruche genitali e tumori anali e che può essere somministrato in tre dosi nell’arco di sei mesi e sarebbe bene sottoporsi a questo esame prima del rapporto sessuale.

I test che possono essere effettuati annualmente – soprattutto superati i 60 anni – sono lo screening per il cancro anale.

L’esame clinico è particolarmente consigliato a soggetti di sesso maschile omosessuali e HIV positivi.

Nella malaugurata ipotesi in cui uno dei test risulti positivo non è detto che la cura possa essere efficace e che soprattutto la malattia non sia stata trasmessa già ad altri individui (soprattutto partners).

Leggi anche

11/07/2014 0

Ricetta Martini Cocktail (8) – Bevande

Ecco una ricetta a base di Gin facile e veloce da realizzare, per una cena con gli amici, in famiglia o con [...]