Home » Attualità » tv e informazione » Nonostante il Grande fratello vaticano gli italiani si schierano dalla parte di Beppino Englaro

Nonostante il Grande fratello vaticano gli italiani si schierano dalla parte di Beppino Englaro

| | ,

Un sondaggio Demos commissionato dal quotidiano La Repubblica mette in luce con chiarezza l'opinione degli italiani rispetto al caso di Eluana Englaro e in generale rispetto ai temi dell'accanimento terapeutico e dell'eutanasia. Rivelando tendenze che potrebbero suscitare lo stupore di molti. Per riassumere (ma vi invito a consultare direttamente i dati attraverso il link di sopra) l'ottanta per cento degli intervistati dichiara di essere favorevole all'introduzione di un testamento biologico dove lasciare scritto cosa fare in caso di coma irreversibile, l'ottantatre per cento ritiene che su questi temi la Chiesa non debba influenzare le scelte dello Stato e persino sulla dolce morte esiste una maggioranza assoluta di italiani che si dichiara favorevole (51,5 per cento).

Sono dati che confermano tendenze già conosciute dell'opinione pubblica, ma nondimeno sorprendenti se si pensa allo strapotere del Vaticano sui mezzi di informazione e in particolare sulla televisione, per molti milioni di italiani l'unica fonte di informazione (e per quasi tutti la fonte principale).

In tv abbiamo assistito a talk show in cui vescovi, politici fanatici e baciapile vari sono stati liberi di affermare che la sottrazione dell'alimentazione forzata alla povera Eulana sarebbe una forma di omicidio, accusando quindi indirettamente (ma mica tanto) il padre Beppino di essere un assassino. Seguiamo telegiornali (tutti, nessuno escluso) che trasmettono giorno per giorno qualunque esternazione del pontefice su qualsiasi questione, in particolare sui temi della cosiddetta tutela della vita. Ci sorbiamo dichiarazioni di politici (in genere di destra) che acclamano automaticamente qualunque parola pronunciata dal papa, e balbettii di politici (in genere di sinistra o sedicenti tali) che si nascondono dietro la formula del "problema di coscienza personale" per evitare di entrare in polemica con la Chiesa, non sia mai.

Ebbene nonostante questa specie di Grande fratello vaticano che sembra controllare la televisione e non solo gli italiani continuano miracolosamente a seguire il loro buon senso, a provare pietà per un povero padre che chiede solo di potere rispettare la volontà della figlia, a ritenere che in casi estremi una persona debba essere lasciata libera di decidere senza che qualcuno, sia anche il papa, gli imponga di continuare a soffrire le pene dell'inferno in un letto d'ospedale per tutelare questa starna e astratta idea di sacralità della vita.

Chiudo con una piccola digressione politica. Se il Partito Democratico interrompesse la sua marcia inarrestabile verso il centro e verso la trasformazione nella nuova Democrazia Cristiana forse potrebbe sforzarsi di dare qualche risposta a questi milioni di italiani che chiedono di essere rappresentati in parlamento su tali questioni, così fondamentali. Veltroni alla manifestazione del Circo Massimo a Roma disse che gli italiani sono meglio di chi li governa. Forse sono meglio anche di chi fa opposizione.

Imago Mortis, l'intervista di "Horror" al regista Stefano Bessoni

Chi è Pacifico: curiosità sul cantante e autore italiano

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.