L'Ultima Cena di Mike Bongiorno e Silvio Berlusconi

Non c'è nulla di politico in questo post, a lungo andare le invettive stufano. Chiudiamoci piuttosto nella nostra tristezza per vivere la fine di un amore. E facciamolo nella maniera più idilliaca, con due settantenni che si sbrodolano con il minestrone durante una cena.

Le loro confessioni, i loro umori, le loro paure, i loro disagi, le loro preoccupazioni, le loro solitudini, i loro problemi esistenziali… yaaawn…yaaawn… zzzz. 
«Silvio Berlusconi e io mangiavamo il minestrone nella sua villa di Arcore.

Noi due soli nella grande sala vuota. Lui era stanchissimo. Davanti a quel minestrone, cucchiaiata dopo cucchiaiata, diceva: “Sono teso, dormo pochissimo, quattro ore per notte. Mi attaccano da tutte le parti”. E io pensavo: “Ma guarda un po’, sono qui con l’uomo più potente d’Italia, il più acclamato, una cena che tutti m’invidieranno, e mi viene una gran tristezza. Quest’uomo mi sembra così solo!”. C’era come un senso di freddo e di buio attorno a noi».
Mike Bongiorno confessa al settimanale OGGI, in edicola da domani, la cena che ha segnato la riconciliazione fra il re del quiz e il premier, accusato di ingratitudine appena qualche giorno prima dallo stesso Mike alla trasmissione di Fabio Fazio.
A OGGI il presentatore precisa:

«A Natale gli avevo telefonato per gli auguri e la segretaria mi aveva risposto che c’era una lista lunghissima, che dovevo mettermi in coda! E pensare che quando ero andato a Canale 5, Berlusconi mi aveva detto: “Mike, staremo insieme tutta la vita”. Così l’appello mi era venuto dal cuore quella sera, da Fazio: “Silvio, chiamami!“. E lui mi ha chiamato, finalmente, invitandomi a cena ad Arcore per la sera dopo».

In quella occasione, spiega Mike, «Gli ho parlato invece della lettera che gli avevo scritto quando nessuno a Mediaset mi dava più retta. Mi rivolgevo direttamente a lui, in nome dell’antica amicizia. “Forse non lo sai”, dicevo in sostanza, “ma non faccio più parte del gruppo. Ti volevo comunque ringraziare e ti sarò sempre grato per quegli anni”. Lui mi ha risposto di non averla mai ricevuta. “La farò cercare e la troverò”. Infatti qualche tempo dopo mi ha telefonato per dirmi che l’aveva trovata… Sempre quella sera, mi ha detto che voleva telefonarmi per chiedermi di rimanere a Mediaset, ma qualcuno l’aveva avvertito che avevo già firmato con Sky. Non era vero, io non avevo firmato ancora niente, ma Silvio ha insisitito che intendeva telefonarmi e io voglio credere nella sua sincerità».

Mike Bongiorno parla di una serata malinconica e dice: «Non abbiamo rievocato nulla, non c’era allegria, i ricordi di quando Silvio veniva alle prove di Canale 5 e scherzava con tutti sono lontani e irripetibili. Lo strano è che dopo quella cena dove lui sembrava stanchissimo, l’ho visto la sera dopo a Porta a Porta con Bruno Vespa pimpante e combattivo e sono rimasto di stucco. Era un altro. Dove aveva ritrovato tutta quella energia?»

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Obama e Spike Lee testimonial del Festival della Pubblicità di Cannes

Il concerto per l'Abruzzo a San Siro, sale l'attesa per il già rinominato "Tette per un tetto"

Leggi anche
Contents.media