Lo strano caso di Marco Carta e Linus di Deejay

Linus non mi piace, la sua trasmissione mattutina è piacevole ma sprizza arroganza da tutti i pori (da che pulpito viene la predica), e non per colpa di Nicola Savino, ironico, divertente e umile nella sua onnipresenza televisiva e radiofonica.

Vabbè, ma questo non c'azzecca nulla. Visto il casino di questi giorni volevo solo riportare il post di Linus che chiude la questione "Radio Deejay vs Marco Carta". A voi il giudizio finale: si tratta di una ritrattazione o è stato veramente un misunderstaning? Inutile dire cosa avrei fatto io con la canzone di Marco Carta, vero? Ho già dato.

Scrive Linus.

…anche se ogni tanto la si fa più grande di quello che è, eddai…
Allora: “ANCHE SE”, come qualcuno più arguto ha fatto notare, era solo una presa in giro del De Santis, cioè di colui a cui riconoscevo l’intuito di avere per primo capito che il pezzo di Arisa era carino e radiofonico.
ANCHE SE questo non voleva dire che stiamo parlando della nuova stella della musica italiana, lo dico per tutti quelli che si sono sentiti di dover eccepire che sì, insomma, forse…
Io ho imparato a giudicare le cose un passo alla volta, questa canzone è carina e la metto, lunedì mattina lei e i suoi occhiali vengono da noi, vedremo se è anche simpatica. E comunque, dovesse essere antipaticissima, il prossimo disco lo giudicheremo solo in funzione dei nostri gusti.
A proposito di gusti, da questa mattina sono tempestato di mail che arrivano, in misura più o meno equilibrata, da quelli che odiano e quelli che amano il giovane vincitore del Festival. Il motivo è una mia dichiarazione, mai fatta, in cui (secondo un quotidiano) ieri avrei detto che sulla mia radio non avrei mai passato Marco Carta. Per di più, che non lo avrei mai passato per protesta. Per protesta nei confronti di chi e di cosa?
Non credo che lo metterò nel mio programma semplicemente perchè non mi appartiene, nè musicalmente e nè generazionalmente, ma non vedo perchè dovrei fare campagna contro un ragazzo che manco conosco. A Platinette piace e lo mette, punto. Io non mi ci rivedo, non ne ho l’età, il programma è il mio, e quindi non lo metto, ma non c’è nessuna dietrologia. Anzi, domani lo metto per fare un dispetto a tutti gli imbecilli e ai maniaci del complotto. E anzi, se vorrà venirci, lo inviterò volentieri in trasmissione. Eia.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Il Qualitel si aggiunge all'Auditel, ma la tv rimarrà sempre la stessa

Aquilani e Quattrociocche, un amore “ufficiale”

Leggi anche
Contents.media