Laura Pausini mamma: è nata la piccola Paola, figlia di Paolo Carta

Finalmente si conosce il nome della bebè: è l’unione tra Paolo e Laura (davvero?!)

La tanto seguita gravidanza di Laura Pausini è infine giunta al termine. Sul sito della cantante è infatti comparso l’annuncio ufficiale della nascita della piccola Paola.

Così la coppia costituita da Laura e dal compagno Paolo Carta, chitarrista e produttore, ha infatti deciso di chiamare la neonata, come giustificato proprio dall’immagine pubblicata per rendere noto il lieto evento: “Io e Paolo siamo felici di annunciare la nascita della nostra piccola.

Il suo nome è l’unione dei nostri nomi e simbolo del nostro amore“. 

Ci sarebbe da discutere sulla veridicità dell’affermazione – la congiuntura onomastica pare piuttosto campata per aria, essendo più che altro la versione femminile del nome del padre – ma è inutile obiettare alla felicità dei due genitori.

Si ricorda invece quanto il mese di febbraio sembra proprio essere un periodo magico per una delle artiste italiane più conosciute e apprezzate in tutto il mondo: nello stesso giorno, ma era l’anno 2006, ottenne il Grammy Award, mentre il 27 febbraio del lontano 1993 conquistò la vittoria a Sanremo nella sezione Nuove proposte grazie alla celeberrima canzone La solitudine.

La stessa Pausini aveva rimarcato qualche tempo fa questa coincidenza, subito però privilegiando questo ultimo, sconvolgente, cambiamento delle sue abitudini e prospettive:

Mi sa che quest’anno sarà il più bel febbraio della mia vita e non perché festeggerò il mio ventennale… Mi sa che quest’anno febbraio mi cambierà la vita …attendo con emozione…”

Il web ovviamente si è messo in moto per fare le sue felicitazioni alla nuova mamma, ma la battuta migliore ci sembra quella di Lia Celi su Twitter: “È nata la figlia di Laura Pausini. Già disponibile su iTunes.”

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Festival di Sanremo 2013 cantanti: Malika Ayane la favorita

Sanremo 2013 date: Berlusconi "da spostare", no a Bruni, austerity

Leggi anche
Contents.media