Home » Attualità » Personaggi Tv » La popstar Silvio Berlusconi sul palco di Porta a Porta: il trionfo dell'italiano medio

La popstar Silvio Berlusconi sul palco di Porta a Porta: il trionfo dell'italiano medio

| | , ,

Lo so, state aspettando il post che riguarda l'esibizione della popstar Silvio Berlusconi sul palco di Porta a Porta. Non lo scriverò. Quante volte ho affidato i miei pensieri alla penna di qualcun'altro? Bò, forse tre o quattro volte in tre anni di blog. Quindi praticamente mai. Il post di oggi però sarebbe stato molto simile all'articolo di Massimo Gramellini per La Stampa.

Quindi? Faccio uno strappo alla regola. Affido il mio pensiero alla sua penna. Siamo di fronte ad un presidente che rispecchia in pieno l'italiano medio.

Ieri sera molti italiani si sono rivisti in quello specchio con la cornice pagata a rate; per questo continueranno ad adorare questa settantenne popstar italiana.

di Massimo Gramellini

Ormai siamo berlusconizzati a tutto. Perciò, quando lo abbiamo visto affacciarsi alla Nazione dai divani di «Porta a porta» per parlare di un fatto privato come il suo divorzio, sapevamo già che nulla avrebbe potuto stupirci.

Nemmeno un tentativo disperato di riconciliazione affidato alla chitarra del maestro Apicella o, al contrario, la firma in diretta di un mandato fiduciario alla sua divorzista Ippolita Ghedini, sorella del Niccolò che lo difende nelle cause penali (quell'uomo è così metodico che ha addestrato un Ghedini per ogni rogna).

Invece il Presidente Addolorato, come da sua ultima raffigurazione, ci ha spiazzati ancora una volta, recitando semplicemente se stesso e cioè il primo statista pop che abbia mai calcato il palcoscenico della Storia.

Persino quel simpatico mangiatore di arachidi di Bill Clinton, quando dovette andare in tv a parlare dei fattacci propri, indossò una faccia contrita e atteggiamenti d'eccezione, cercando frasi memorabili che per sua fortuna non trovò.

Berlusconi riesce a parlare del terremoto, della moglie e del Milan allo stesso modo, nella stessa sera e a volte nella stessa frase, come se tutto fosse la stessa cosa, perché per lui lo è. Come lo è per milioni di italiani che anche quando non lo amano, lo capiscono, dal momento che Berlusconi, tranne che per il reddito, è identico a loro.

Gli stranieri, basta vedere la Cnn, non riescono a comprendere la nostra mancanza di indignazione. Ma uno può indignarsi dello specchio? Questo è il Paese dove un qualsiasi piccolo imprenditore conclude un affare di miliardi con una mail e intanto scambia via sms una barzelletta sconcia con un amico, mentre al telefono ordina un mazzo di fiori per il compleanno dell'amante.

Alto e basso, serietà e cazzeggio, cinismo e lacrima. In contemporanea. Questa è la bassa grandezza d'Italia e chi la vorrebbe diversa rischia di ritrovarsi all'opposizione di se stesso.

In tv Berlusconi si è dipinto per l'italiano medio che è. Un padre troppo impegnato sul lavoro, ma che non si è mai dimenticato delle feste di compleanno dei figli, anzi, le ha «sostenute finanziariamente». Un marito distratto, ma capace di romanticismi occasionali e altamente spettacolari, come quando si travestì da nobile berbero per consegnare un gioiello alla «signora».

La quale ora non vuole più saperne di lui solo perché si è fidata dei giornali di sinistra, i quali lo hanno dipinto come un depravato seduttore di minorenni, quando invece le cose sono andate così: Silvio era al Salone del Mobile di Milano, ma è dovuto scappare in anticipo per l'imbarazzo che gli procuravano i cori «Grande grande grande» dei fan.

Atterrato a Napoli un'ora prima del previsto, ha ingannato l'attesa andando a farsi scattare quattro foto alla festa di compleanno della figlia di un amico. Se adesso la moglie non gli chiede scusa per aver dubitato della sua probità, lui cosa può farci, se non continuare a volerle «un mare di bene»?

In un mondo così meraviglioso e rassicurante c'è poco spazio per l'autocritica. E quando, nel passaggio più rivelatore della serata, Ferruccio De Bortoli, a nome della borghesia lombarda che fu, gli fa notare che un capo del governo non dovrebbe andare a feste di nozze e compleanni, il Premier del Popolo risponde:

«Se non andassi ai matrimoni, rinuncerei a essere me stesso. Io parlo con i camerieri, i tassisti, i commessi. Ho un grandissimo rispetto per le persone umili». Applausi in sala e chissà quanti a casa. Questo divorzio minaccia di essere un altro terremoto: nel senso che, invece di togliergli voti, gliene porterà.

Intervista esclusiva ai Dream Theater sul blog Musica Metal

Caso Veronica Lario: abbiamo davvero il diritto di entrare a casa di Silvio?

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.