Ken Loach sferza il festival di Torino: Sfruttate i lavoratori

Ken Loach rifiuta il premio alla carriera del festival di Torino: Non partecipo, sfruttate i lavoratori precari. Il direttore della mostra lo critica, ma il regista inglese si dimostra coerente fino in fondo e merita un applauso

Avrebbe dovuto essere premiato con un riconoscimento alla carriera, ma il regista inglese Ken Loach, idolo della sinistra mondiale e autore di capolavori come My name is Joe e Terra e libertà, ha deciso di disertare il festival di Torino.

Il motivo? Contattato da alcuni lavoratori del Museo nazionale del Cinema, l’ente che gestisce la rassegna cinematografica, è venuto a sapere della condizione di precariato e sfruttamento (che novità eh?) in cui versano molti dipendenti che si occupano dei servizi esternalizzati a un’impresa privata. E, coerentemente con l’impegno civile e politico che da sempre contraddistingue il suo cinema, ha chiuso la porta e ha detto no grazie, io non ci sto e non ci metto la mia faccia.

Il direttore del museo Alberto Barbera dice che “non si può interferire nelle vicende contrattuali di una cooperativa che ha vinto una gara pubblica europea”, mentre il direttore del festival Gianni Amelio ha rincarato: “La scelta di Loach è massimalista, sbagliata, aristocratica e autolesionista”. Cosa avrebbe dovuto fare Loach secondo Amelio? Chiaramente quello che fanno tutti i registi e gli attori finti progressisti, di sinistra per moda e convenienza: andare a ritirare il premio, farfugliare qualche frasetta di solidarietà ai lavoratori (che nessun giornale avrebbe mai riportato) e poi godersi una bella serata di gala in qualche locale alla moda o salotto borghese, dove gli artisti impegnati con il conto corrente milionario ogni tanto si ricordano di versare una lacrimuccia (meglio se a favore di telecamera) per i più sfortunati.

Altri link:

Torino Film Festival programma e ospiti: Ken Loach non ci sarà, ecco perché

Paolo Sorrentino presidente Torino film festival 2012

E la chiamano estate: Isabella Ferrari nuda batte Fassbender in Shame (tanto il livello è questo)

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Striscia di Gaza: la tregua regge, ci sia anche per la stampa ultrà

Kate Winslet e Gary Barlow hanno ricevuto la Medaglia d'Onore dalla Regina Elisabetta II

Leggi anche
Contents.media