Kate Middleton topless: ecco il Tumblr che impazza sul web

Dopo il principe Harry, il web ora si lancia in difesa della futura regina, mostrando i capezzoli al mondo intero

Gli inglesi stanno al principe Harry come quest’ultimo sta a Kate Middleton. Ok, non è proprio così, ma questa finta equazione serve per spiegare al meglio la mobilitazione nata sul web per difendere la moglie di William d’Inghilterra, Kate Middleton, dopo lo scandalo delle foto pubblicate dal magazine francese Closer che l’hanno ritratta in topless qualche giorno fa.

Dunque, pronta la solidarietà del web e dei sudditi di sua Maestà in difesa della famiglia reale britannica. Il tutto proprio mentre quest’ultima si lancia al contrattacco presentando una denuncia penale a Parigi contro il magazine Closer, reo d’aver pubblicato delle foto (quelle famose in topless della moglie del principe William…) che vanno contro il diritto alla privacy. In fin dei conti, secondo la difesa, quegli scatti sono entrati nella vita privata della futura regina, che si trovava con suo marito in una dimora di parenti della regina in terra francese.

Ma com’è nata l’idea di difendere Kate Middleton sul web? Un po’ come accaduto con il principe Harry qualche settimana fa, ecco il popolo del web indossare una maschera della duchessa di Cambridge sul volto e il petto nudo davanti alla fotocamera: “Show solidarity with our future queen in her time of need”, il messaggio apparso su “Nips out for Kateletteralmente mostriamo i nostri capezzoli nudi per Kate.

La pagina Tumblr, dal quale abbiamo preso la foto, è stata realizzata subito dopo lo scandalo. Opera di alcuni ragazzi francesi. Sì, non è un errore di battitura, francesi. E dopo Harry, per il quale il popolo del web aveva mostrato solidarietà facendosi ritratte (quasi) nudo, ecco ora la nuova campagna in favore di Kate.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Mitt Romney gaffe: i poveri sono dei parassiti (video)

Veline 2012 finaliste: la finale giovedì 20 settembre

Leggi anche
Contents.media