Kate Middleton senza slip e Napolitano contestato: che c'entra?

Alla fine spuntano fuori anche le foto di Kate Middleton nuda. Ma cosa c’entra la principessa inglese col presidente Napolitano? C’entra, perché sono entrambi simboli della religione civile che tiene uniti i loro rispettivi Paesi

Era inevitabile. Dopo la telenovela sul topless della principessa Kate, arrivano puntuali le sue foto mentre si cambia gli slip: scartate da Closer, sono state spavaldamente (o spudoratamente?) pubblicate da una rivista danese dal nome impronunciabile.

In Inghilterra invece, che pure in quanto a stampa spazzatura e gossip non è seconda a nessuno, le foto dello scandalo sono rimaste nei cassetti delle redazioni: neppure il Sun, che ogni santo giorno propone  a pagina tre – quella che nei giornali di una volta era riservata alla cultura – una bella figliola in topless, si è azzardato a pubblicare gli scatti osé di Kate Middleton. Non certo per delle considerazioni di ordine morale, quanto per la prevedibile reazione di sdegno del pubblico britannico, letteralmente infuriato per la violazione della privacy della sua principessa.

Qualcuno dirà: son ben strani questi inglesi, comprano a milioni i giornalacci pieni di gossip e di foto piccanti rubate alle star, e quando tocca alla bella Kate si scandalizzano. Ma non sono affatto strani: il fatto è che Kate Middleton rappresenta la Corona, e la Corona rappresenta e incarna il Regno Unito. Per cui un’offesa alla moglie del principe è considerata un’offesa all’intera nazione.

Robert Bellah in un suo celebre saggio ha parlato di “religione civile” per indicare quel complesso di credenze, riti e simboli che rimandano ai valori ultimi per i quali una comunità politica sta insieme, per i quali ogni inglese si sente inglese e ogni italiano si sente italiano. Kate è un simbolo della religione civile inglese, così come Giorgio Napolitano – in quanto presidente della Repubblica – lo è della malconcia religione civile italiana.

Anche in questo senso si può capire chi, nelle recenti polemiche che hanno riguardato il Capo dello Stato, ha cercato di difenderlo a prescindere. Perché il presidente della Repubblica è un simbolo della nostra comunità politica, uno dei pochi pilastri ancora abbastanza solidi che definiscono e rappresentano il nostro Paese.

E però, anche i simboli laici della Nazione hanno delle responsabilità, anzi ne hanno più di chiunque altro e devono sforzarsi di assumere comportamenti sempre ineccepibili e super partes. Per dire: la principessa Kate potrebbe stare attenta a cambiarsi le mutande dentro casa, invece che a favore di paparazzi, così come il nostro presidente Napolitano potrebbe evitare di rispondere a telefonate scomode e a dir poco irrituali. Soprattutto in un Paese come il nostro, dove la “fede civile” sembra agli sgoccioli.

Altri link:

Kate Middleton foto hot: i giudici ritirano gli scatti (le tette non sono tutte uguali)

Kate Middleton topless: la rabbia della Casa Reale su Silvio e la par condicio delle tette

Kate Middleton senza slip: ora ci si mette anche il vento

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Concerto per l'Emilia 22 settembre 2012: le foto dei cantanti

Milano Fashion Week: Paola Iezzi aggredita da Le Iene?

Leggi anche
Contents.media