Notizie.it logo

Julia Roberts testimonial Givenchy

Julia Roberts testimonial Givenchy

 

Julia Roberts testimonial Givenchy è sempre perfetta e bellissima, come se per lei il tempo non passasse mai!

Vi sarà capitato di vedere qualche immagine sui giornali o su internet della nuova capagna di Givenchy che ha come protagonista l’indimenticabile Pretty Woman.

Julia Roberts testimonial Givenchy è impeccabile, sofisticata ed elegante.

In fondo il successo di una pubblicità dipende molto dalla scelta giusta del testimonial e Julia Roberts incarna perfettamente quei valori di eleganza, raffinatezza, gusto, bon ton, tradizione e classicità tipici della maison Givenchy.

Riccardo Tisci che ha curato la campagna pubblicitaria di Givenchy e che sui suoi profili social ha già pubblicato qualche anticipazione della nuova campagna pubblicitaria 2015, ha dichiarato che ha cercato in ogni modo di avere Julia Roberts come testimonial, e l’ha scelta perchè è una donna molto moderna, che coniuga bellezza e carisma, intelligenza e sensualità, femminilità e grinta.

Nella campagna pubblicitaria, volutamente in bianco e nero per dare un tocco ancora più chic ed’effetto, Julia Roberts testimonial Givenchy risulta perfetta: appena un filo di trucco, capelli sciolti con un’acconciatura semplice e naturale, abiti e look unisex o addirittura total black molto maschili.

Ciò che emerge è la personalità, la forza carismatica dell’attrice.

Nulla fa da sfondo e tutta l’attenzione di chi guarda è focalizzata su Julia, vera icona di moda e simbolo di grazia ed eleganza.

La campagna pubblicitaria ha un grande impatto soprattutto perchè crea uno stacco netto rispetto alla tradizionale immagine televisiva e cinematografica di Julia: sono lontanissimi i tempi delle minigonne e degli stivali col tacco di Pretty Woman.

Julia Roberts testimonial Givenchy è un mix di glamour, sofisticatezza e tanta tanta tanta classe.

© Riproduzione riservata
Leggi anche
  • ZumbaZumbaLa zumba è una nuova disciplina corporea, che è stata messa a punto negli anni novanta in Colombia, da un coreografo e ...