Intervista ai Tokio Hotel di passaggio a Milano prima della partecipazione a X Factor, le foto delle fan

Come hanno fatto a saperlo? Con nostra somma sorpresa non eravamo soli ieri pomeriggio davanti all'ingresso di un hotel in zona Lotto-Fiera ad attendere la convocazione ufficiale per la round table (l'incontro con la stampa n.d.r.) con i Tokio Hotel. Decine e decine di scatenati fan sono riusciti a scovare il rifugio dove hanno passato la notte i loro beniamini per la loro toccata e fuga italica.

Il gruppo aveva appena partecipato al concerto Coca Cola-Mtv a Roma e ci avrebbero raccontato qualcosa del nuovo disco, Humanoid, in uscita il 2 ottobre.

Come potete vedere dalle immagini che abbiamo scattato erano molte le mise più o meno eccentriche/sexy che giovani e giovanissime sfoggiavano nella speranza di farsi notare da Tom, Bill, Georg o Gustav. Veniamo a sapere che alcune fans hanno addirittura prenotato una stanza sperando di incontrarli. Il che è un vero miracolo. Che abbiano trovato un posto libero, s'intende, visto che a pochi metri da qui c'è il cuore della Milano Fashion Week

Ci ritroviamo in una sala dell'hotel pronti per l'incontro con la band insieme ad altri giornalisti, ma anche insieme ad alcune fortunatissime fan che potranno fare anche loro qualche domanda. Qualche minuto per organizzarsi, dato che siamo una quindicina e ci sono solo venti minuti di tempo a disposizione -traduzione inclusa- e via!

ps. Non è stato purtroppo possibile effettuare video o foto durante la round table

No, scusate, falso allarme. Toccherà attendere quasi un'ora prima di poter cominciare con le nostre domande a raffica.

Risponderanno alle nostra curiosità principalmente Bill e il fratello Tom, che ci pare essere più il capetto della band rispetto al crestatissimo e truccatissmo Bill che invece ci sembra molto più alla mano. Gli altri due, batterista e bassista, faranno solo "da contorno" fatta eccezione per un paio di mugugni e una sola risposta a una domanda tecnica sulla composizione dei brani.

Si è parlato prevalentemente di musica: dal tour (ancora nessuna data precisa, ma sperano di farne molte in Italia) al videoclip di "Automatic" girato in Sudafrica perchè "serviva un deserto". Le tematiche principali del disco si ricollegano alla parola "umanoide", che però è saltata fuori solo dopo aver scritto alcuni brani, e alla fantascienza in senso molto lato.

I ragazzi rispondono anche a domande un po' più private: una in particolare riguarda i fatti di cronaca che hanno visto coinvolto Tom e Gustav ("eventi sgradevoli, i fan non c'entrano nulla perchè gli autori erano psicopatici"). I ragazzi sottolineano poi che la loro vita è sicuramente molto diversa da quella dei loro coetanei ed è ovvio che mancano le cose di tutti i giorni. Però fare musica è quello che più amano e quindi hanno compiuto una scelta consapevole quando hanno deciso di intraprendere questa professione.

Anche se ovviamente mai e poi mai avrebbero immaginato di ottenere un successo del genere.

L'ultima domanda dell'intervista riguarda una tematica risalita agli onori della cronaca ultimamente dopo anni: il download illegale. I Tokio Hotel si schierano decisamente contro chi scarica le canzoni perchè "di gratis al mondo non c'è niente".

Inoltre "il download illegale dà sempre meno possibilità ai gruppi giovani di emergere perché le etichette vanno in crisi". E' un fenomeno che "andrebbe punito molto più severamente".

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Amici 9, qualcosa Š cambiato. No, rifaccio: qualcosa Š cambiato?

Scajola: ecco come e perché io e Silvio vogliamo azzerare Anno zero e Report

Leggi anche
Contents.media