Il soccombente Roberto Herlitzka Teatro Franco Parenti Gould

Uno spettacolo sulla forza sconvolgente del Genio artistico

Glenn Gould è stato senza ombra di dubbio uno dei più grandi pianisti di tutti i tempi, tanto da essere conosciuto anche da coloro che non sono dei fanatici della musica classica, un ambito nel quale i musicisti raramente riescono a emergere rispetto ai compositori.

Il merito della fama tra gli esperti si deve alla tecnica eccezionale, al virtuosismo strabiliante e alle esecuzioni al limite della perfezione maniacale (arcinota è la sua modernissima lettura delle Variazioni Goldberg di Bach), ma la notorietà è stata raggiunta dal pianista anche grazie a piccole stranezze, come per esempio l’abitudine di canticchiare durante le sue esibizioni o la preferenza assoluta per una sedie specifica dalle gambe reclinabili.

Al Teatro Franco Parenti di Milano è in scena in questi giorni fino al 19 gennaio Il soccombente, spettacolo tratto dall’omonimo romanzo di Thomas Bernhard, in una riduzione a cura di Ruggero Cappuccio, interpretata dall’ottimo Roberto Herlitzka e da Marina Sorrenti, per la regia di Nadia Baldi.

La produzione di Teatro Segreto cerca di indagare, in un lungo monologo che ha il ritmo di una fuga carica di fioriture, il mistero che si nasconde dietro al genio assoluto: l’isolamento necessario a raggiungere la perfezione, l’inquietudine, l’ansia e la profonda solitudine.

Il narratore in scena – Herlitzka – racconta dell’incontro di due giovani amici, arrivati nella città di Mozart, Salisburgo, per frequentare un corso di perfezionamento pianistico, con un ragazzo canadese.

Si tratta proprio di Gould, il quale si impone immediatamente come un vero Genio, la cui abilità è qualcosa di irraggiungibile, una vetta intoccabile dai comuni mortali, che decidono sul colpo di non suonare mai più.

Per la coppia la delusione, la frustrazione e l’ossessione per il talento dell’altro è così forte che uno dei due si suiciderà, vinto dallo scoramento e dalla depressione.

Foto: Getty Images

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Marco Bocci e Laura Chiatti foto Emma Marrone non commenta

Il grande match trailer trama Stallone De Niro

Leggi anche
Contents.media