Home » Attualità » nuova tv » Il Qualitel si aggiunge all'Auditel, ma la tv rimarrà sempre la stessa

Il Qualitel si aggiunge all'Auditel, ma la tv rimarrà sempre la stessa

| , ,

Entro sei mesi la Rai dovrebbe attivare un nuovo sistema di rilevazione statistico (valido solo per le sue trasmissioni) pensato per rendere pubblico il giudizio dei telespettatori sui programmi mandati in onda il giorno prima. Insomma accanto ai dati Auditel, che indicano quante persone si sono sintonizzate su una determinata rete, avremmo anche i valori del Qualitel – così è stato battezzato il nuovo strumento – che dovrebbe costituire una specie di classifica della qualità di ciò che viene trasmesso in tv.

Questa bella trovata, di cui in verità si parla da anni, costerà alla Rai circa cinque milioni di euro e concretamente si baserà sulle risposte di un campione composto da alcune migliaia di italiani, che verranno intervistati quotidianamente e sollecitati ad esprimere un voto sui programmi visti in tv (la valutazione probabilmente sarà espressa in una scala da uno a cento).

Ora, a parte il costo non indifferente dell'operazione, viene da domandarsi a cosa possa servire uno strumento del genere. Perché, parliamoci chiaro, il gradimento dei telespettatori è già fornito dai dati dell'Auditel: se uno vede un programma è perché, in qualche modo, gli piace e gradisce ciò a cui assiste, altrimenti per cosa resterebbe sintonizzato? Per masochismo?

In realtà il Qualitel sembra pensato apposta per fare felici i tanti benpensanti e ingenui che, da sempre, sostengono che la televisione sia peggiore del pubblico che la guarda. Molti non vedono l'ora di stroncare i discussi campione dell'Auditel con i nuovi dati qualitativi: pensate che manna per molti editorialisti politicamente corretti commentare la bocciatura del Qualitel sui trionfatori dell'audience, dal Grande fratello all'Isola dei famosi.

Ma, diciamoci la verità, la televisione viene seguita così assiduamente perché piace, reality show e altre baracconate comprese: è lo specchio dell'Italia, così come il parlamento, che non è affatto -come si illude qualcuno – peggiore del paese. Poi certo, i dati del Qualitel molto probabilmente stroncheranno i programmi spazzatura con giudizi pessimi, ma tutti sappiamo come la cosa funzionerà: lo sport preferito degli italiani è parlare male della televisione, salvo poi non riuscire a perdersi neppure un minuto di quello che criticano. È come per i programmi culturali: nei sondaggi tutti dicono di volerli, poi vai a consultare l'Auditel e nessuno li guarda. Molto probabilmente la Rai farebbe meglio a risparmiarsi i soldi e noi a metterci il cuore in pace: il Grande fratello è lo specchio reale del paese.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Sanremo patriottico? Fratelli d'Italia, abbiamo salvato il Festival dalla morte!

Lo strano caso di Marco Carta e Linus di Deejay

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.