I soliti Idioti: i Simpson formato cinepanettone

Mandelli e Biggio traducono in italiota i canoni della comicità intergenerazionale. Ruggero e Gianluca come Simpson e Griffin

“Critici der cazzo, annassero a scopà” direbbe “Father” Ruggero De Ceglie al figlio Gianluca.

E avrebbe pure ragione, perchè i contestati volgarissimi Idioti di successo, Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio, non fanno altro che tradurre in italiota i canoni mondiali della comicità intergenerazionale.

Aldo Grasso vede ne i Soliti Idioti il tipico linguaggio scurrile della sketch comedy stile Little Britain.

Ma l’orrida maschera dell’imprenditore De Ceglie evoca più un cartoon.

Il rapporto disecucativo tra Ruggero e Giancula ricalca modelli di fiction animata ben più popolari di Little Britain.

Esaspera la parentela disfunzionale di Homer Simpson e il decenne Bart.

E, ancor più, il legame corrotto tra il papà alcolizzato e drogato ,Peter Griffin, ed il neonato diabolico gay ,Stewie, che cerca in continuazione di uccidere la madre.

E se i Simpson sono una raffinata parodia dell’ “american way of life”, I soliti idioti ne sono l’avariata trasposizione in commedia all’italiana di serie B.

Mandelli e Biggio sono dissoluti come i Griffin e South Park, eredi depravati de I Simpson, seppur pregiati come un rutto d’er Monnezza ,Tomas Milian, in un film trash degli anni ’70. 

L’ex direttrice de l’Unità ,Concita De Gregorio, considera i Soliti Idioti uno specchio della società italiana.

Dallo sfascio, secondo lei, si possono riscattare i seienni coi cartoni animati.

Lo spietato Ruggero la inviterebbe ad aggiornarsi dando un’occhiata ai bambini delle elementari di South Park che bestemmiano cantando brani rock-religiosi in cui Gesù fa sesso sfrenato…

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Peter Facinelli al "Tour" promozionale di Breaking Dawn

Berlusconi dimissioni: l'ultimo videomessaggio (13 novembre 2011)

Leggi anche
Contents.media