I reality, Monsters & Co, le risate e gli omogeneizzati

Quando penso ai reality show, la mia mente torna sempre al film Monsters & Co. No, non perchŠ sono matto, ma perchŠ a mio avviso esiste una corrispondenza tra il film della Pixar e il meccanismo alla base dei reality (nella versione italiana, almeno).

In Monsters & Co, i celebri mostri nell’armadio/sotto il letto spaventano i bambini umani perchŠ le urla di terrore dei marmocchi sono una fonte d’energia in grado di far funzionare le mostro-citt….

Il panico/pianto, un evento negativo, viene sfruttato per muovere l’economia.

Ora pensiamo ai reality. Su cosa si basano per fare ascolti? Cosa sfruttano, cioŠ, per muovere l’economia e – di riflesso – far funzionare le loro reality-citt…? Le risse. Le urla. I piagnistei. La maleducazione. Eventi quasi sempre negativi.

Ci siete fin qui? Bene.

Ad un tratto i protagonisti del film scoprono (in modo del tutto casuale) che la risata di un bambino consente d’immagazzinare un’energia dieci volte superiore a quella derivante dalle lacrime e dalla paura. Un potenziale enorme.

Ecco, non posso fare a meno di pensare al potenziale che avrebbero certi show se solo si eliminasse la negativit… ad essi correlata. Il Grande Fratello condotto da un comico e non da una noiosa e servile marionetta, ad esempio. Ironia e risate invece che ammorbante perbenismo posticcio e pupazzi telecomandati.

Mi rendo conto che Š impraticabile. La televisione dei Grandi Fratelli Š fatta apposta per uniformare i pensieri, per semplificare i concetti, per banalizzarli e renderli il pi— possibile fruibili.

(pi— fruibili = pi— possibilit… di colpire nel mucchio e ottenere i “grandi numeri“. La qualit… *non* interessa, le leggi del marketing sono spietate: se nessuno lo guarda, il programma viene cassato.)

Rimbambire la gente evitando di stimolarla conviene, perchŠ cos il torpore mediatico prosegue, nessuno corre il rischio di pensare ed i costi rimangono bassi. Il risultato Š un pastone informe in cui tutto si mescola ed in cui nulla si distingue. Come mangiare omogeneizzati tutta la vita, senza conoscere mai il gusto d’un buon vino o d’una saporita bistecca.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Ligabue news: Campovolo 2011 in 3D e album di inediti

Nicolas Cage vampiro? Serio candidato per Twilight

Leggi anche
Contents.media