Home » Attualità » Intrattenimento » Grande Fratello, riassunto delle puntate precedenti: personaggi ed eventi delle passate edizioni

Grande Fratello, riassunto delle puntate precedenti: personaggi ed eventi delle passate edizioni

| , , , ,

GF1 (2000): Pazzesco, sono gi… passati dieci anni. Io c’ero, anche se non so se si possa considerare un vanto. La conduzione viene affidata ad una piuttosto scollacciata Daria Bignardi; ritmi bassi, curiosit… altissima, urla entro il livello di sicurezza.

Advertisements

L’Evento con la E maiuscola di quegli anni, a met… strada tra lo show e l’esperimento sociologico. Abitazione impenetrabile, diversi i tentativi di comunicare coi ragazzi (tramite bigliettini, messaggi o invasioni pi— o meno innocue). Dieci protagonisti, ce li ricordiamo ancora tutti: Francesca Piri (la prima eliminata), l’artista Maria Antonietta, il cuoco Lorenzo, la milanesa Roberta, l’ambiguo Rocco Casalino. E poi la gattamorta Marina La Rosa (che raggiunge picchi di astio incredibili per l’epoca), il pizzaiolo Salvo Veneziano (‘Giusina mia’ e lo sciroppo di crigno), l’ottusangolo Sergio e ‘o guerriero Pietro Taricone (che, primo fra tutti, riesce nell’impresa di copulare nella Casa). A vincere Š la ragazza della porta accanto, la bergamasca Cristina Plevani.

GF2 (2001): Un mezzo flop. Conduce ancora Daria Bignardi. La presenza di Mascia Ferri, delle sue tette e delle sue allusioni (Uccelli, veniiiitee!) non riesce a tenere a galla un’edizione abulica. Pochi gli eventi (ricordiamo il primo concorrente di colore, Mathias), pochi i personaggi (i Gialappi sono costretti ad inventarsi Medioman, caricatura dello scarsamente carismatico Francesco). Da ricordare giusto l’insubordinazione del conte Filippo Nardi, con quel suo memorabile confessionale in italo-inglese: “Dovesonolesigaretteee? Qui ci sono emozioni veri!“. Vince un subentrato, Flavio Montrucchio, che ha il merito d’esser bello a sufficienza per stracciar la concorrenza e per giungere dritto al cuore della letterina Alessia Mancini, tra le fanciulle pi— desiderate di quegli anni.

GF3 (2003): Ha qui inizio la rivoluzione dello show, che lentamente si trasforma da semplice reality a ricettacolo di ogni nefandezza catodica. Casualmente, a condurre arriva Barbara D’Urso – l‘Unta dal Piersilvio – ed Š subito trash. Casa pi— grande, meccanismi rinnovati (Migliore e Peggiore della Settimana, la Suite), numerosi litigi. S’intravvedono i primi pesanti ritocchi autorali (il modo in cui l’antagonista principale, Pasquale Laricchia, viene preservato per settimane, ha fatto scuola). Buona, da un punto di vista televisivo, la scelta dei partecipanti, da Fedro “Fedrano” Francioni alla giunonica Angela (coi suoi surreali aneddoti erotici), dal bel Luca Argentero ai fidanzatini american-baresi Pasquale (coi suoi storici proverbi) & Victoria Pennington. A stravincere Š la romanissima Floriana Secondi, una vera forza della natura, nonch‚ una delle concorrenti pi— amate di tutta la storia dello show.

GF4 (2004): Uno dei pi— divertenti in assoluto, grazie alla presenza di due artisti dell’improvvisazione comica come Patrick Pugliese e Serena Garitta (che vincer… l’edizione). Ma anche uno dei primi in cui si inizia pesantemente ad infastidire il pubblico con gli inutili melodrammi, come nel caso di Domenico “Anzianotti” Turi (padre) ed Ilaria Turi (figlia), con lei che Š fidanzata con un uomo dell’et… del pap…. La loro storia suscita cos tanto interesse che i due vengono sparati fuori dopo neanche un mese. E’ l’edizione della maliarda Carolina Marconi e del deejay Tommy Vee, di “Nontelad•” Katia Pedrotti e del suo “zerbino”, Ascanio Pacelli, golfista nipote d’un Papa.

GF5 (2004): Una delle edizioni pi— anonime, messa in onda a pochissimi mesi dalla quarta e durata solo settanta giorni. Veramente molto poco da dire: uno squalificato per bestemmia (il tartagliante Guido), una coppia sposata (Alfio e Rosy, con lui che vorrebbe darsi da fare e lei che risponde “uffa, cu ‘stu sesso!“), una quasi orgia con atti di vandalismo (dopo aver bevuto una quantit… di birre), le urla scimmiesche della concorrente britannica Catrina Davies. A vincere Š il virile modaiolo Jonathan Kashanian, che cattura le simpatie del pubblico coi suoi urletti trŠs-chic.

GF6 (2006): Dopo la delusione del GF5, altro cambio alla guida del programma: esce Barbarella, entra la servile Alessia Marcuzzi. Comincia il vero delirio. Da qui in avanti Š un crescendo di pornografia dei sentimenti e annacquamento delle emozioni, a volte in modo esponenziale. La nuova struttura della Casa (divisa in Tapini e Nababbi) favorisce battibecchi, complotti e dietrologie varie. Il regolamento viene appallottolato e gettato nel cestino (come nel caso di Fabbbiano, uno dei favoriti, che viene prima eliminato grazie ad insulse manovre che si ritorcono contro gli autori, e poi fatto rientrare a furor di popolo). Da ricordare: i ‘quattro valori’ di Lucio Calligarich (che abbandona il game dopo due settimane; molti giurano fosse solo in astinenza), le urla insensate ed i pianti della svaporata Man Lo, la pornomamma Patrizia con la sconclusionata figlia Eleonora, la malizia di Pier Renato (buttato fuori dopo soli sette giorni). Vince Augusto De Megni, che chiude cos il cerchio della sua vita: sotto i riflettori da bambino (vittima di sequestro), sotto i riflettori anche da adulto.

GF7 (2007): A mio avviso una delle edizioni peggiori. Piena di gente di dubbio valore (come la russa Diana, poi arrestata per droga), di gradassi senza arte n‚ parte come il vincitore Milo Coretti o il “nobile” Raniero, di snobismi veri o presunti (Guendalina), di malizie ed episodi di bullismo (la principale vittima Š il fastidioso nerd Massimo). Una scolaresca di bulletti indisciplinati che se la tira e divide il mondo tra chi Š figo (loro, of course) e chi non lo Š (chi non si adegua). Melita Toniolo Š il personaggio di spicco di quest’avventura, fatta di molto cheap sex e poco altro.

GF8 (2008): Tra la settima e l’ottava edizione s’assiste ad un graduale rilassamento del pubblico. Anche stavolta il programma non regala granchŠ, con un sacco di personaggi senza carisma (i componenti della famiglia Orlando, per dire, vengono eliminati uno dietro l’altro senza rimpianti) e di situazioni gi… viste. Ad un certo punto sembra quasi si possa scrivere definitivamente la parola Fine sul Grande Fratello (non sar… cos, purtroppo). Da ricordare ci sarebbe solo il grottesco cummenda milanese, Roberto Mercandalli, e la sua storiaccia tesa con Lina Carcuro, detta ‘manolesta’ sotto le coperte. Vince Mario Ferretti, muratore umbro di poche parole con casini familiari al seguito.

GF9 (2009): E’ passato solo un anno e mezzo, ma sembra una vita. Nuova sterzata al programma, che diventa – se possibile – ancora peggiore, trascinato sul fondo da qualsiasi bassezza pur di far spettacolo. Un’edizione schizoide, con personaggi mentalmente instabili (Paolo Mari), lanci di bicchieri (Federica la matta, squalificata), disabili, casi umani, spintoni, voltafaccia, urla, pianti… e chi pi— ne ha, pi— ne metta. Gli autori giganteggiano quasi quanto le tette di Cristina Del Basso, manovrando pubblico e concorrenti come pedine. A vincere Š il pupazzo preferito dagli autori, Ferdi Berisa, spalleggiato dalla compiacente Francesca Fioretti (inserita per dare una ripulita all’immagine del ragazzo dopo i primi, deprimenti cinquanta giorni).

GF10 (2009-10): Assieme al GF7, per me questa Š l’edizione pi— scarsa a livello umano. Lunga cinque mesi, abnorme, purulenta, viscida, ha dimostrato che al peggio non c’Š mai fine. Recrudescenza del bullismo gi… ammirato nella settima edizione, con gentaglia di quart’ordine a spadroneggiare. L’esempio pi— lampante Š Massimo Scattarella, un bellimbusto squalificato per bestemmia a cui viene dedicato complessivamente pi— tempo rispetto ad alcuni vincitori delle passate edizioni. Ignoranza crassa (George Leonard su tutti), spavalderia immotivata, ostentazione ed uso della sessualit… come arma (Veronica e Sarah), cafonaggine e meschinit… a go-g•; l’unico a salvarsi Š Mauro Marin, che troneggia sornione sulla melma generale perchŠ completamente pazzo. Siamo ormai distanti anni luce dalla semplicit… di Cristina Plevani.

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

E Teleipnosi finisce anche su Repubblica

Addio a "Manimal": si è spento, a 58 anni, Simon MacCorkindale l'uomo-pantera

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.