Notizie.it logo

Giulia De Lellis confessa: “Ho mentito a tutta Italia”

giulia de lellis

Giulia De Lellis, attraverso Instagram, ha ammesso di aver mentito a tutta Italia, sia in Tv che sui social. Che bugie ha raccontato?

Giulia De Lellis continua a far discutere. Dopo la confessione sulla sua nuova storia d’amore con Irama e l’uscita allo scoperto, che c’è da dire che è stata molto apprezzata, la web influencer ha voluto fare una ‘confessione’ a tutti i suoi follower. Le sue parole fanno sorridere, ma, allo stesso tempo, anche un pochino riflettere. Giulietta ammette di aver mentito a tutta Italia, ma, nello specifico, su quale argomento?

La confessione di Giulia De Lellis

Giulia De Lellis, negli ultimi tempi, ma forse come sempre da quando è venuta alla luce come ‘personaggio’, continua a far parlare di sé. La fidanzata di Irama ha voluto fare, attraverso il suo profilo Instagram, una confessione a tutti i suoi follower. L’ex corteggiatrice di Uomini e Donne ha rivelato di aver mentito a tutta Italia. Ma su quale argomento avrebbe rifilato a tutti sonore bugie? Giulietta ammette: “Allora ragazzi, devo dirvi assolutamente una cosa. Una cosa che scioccherà alcuni di voi.

Un periodo della mia vita che avevo completamente rimosso, ma molto importante. Io ho mentito a tutta Italia, proprio a tutti in Tv e sui social. Io ho detto ‘non ho mai letto un libro’. In realtà io un libro l’ho letto, anzi due. Ok, non avrò letto chissà quante pagine, chissà che dimensioni. Però ho letto un libro che a me è piaciuto tantissimo, forse perché era piccolo, perché era rosa. The Little Pink Book, e più che un libro è una piccola guida. Il primo che ho letto è stato sulle borse. Quando ho scoperto quello delle scarpe ho letto anche quello”. Ed ecco svelato l’arcano: la bella De Lellis, in realtà, sa cosa sono i libri e ne ha letti ben due. Credo che i lettori più accaniti si staranno già sfregando le mani, mentre i grandi scrittori, quelli già defunti, si staranno rigirando nelle tombe e quelli ancora in vita staranno progettando di darsi all’ippica.

Comunque, ironia a parte, Giulia ha voluto ammettere di aver letto un paio di libricini dedicati alla moda e, considerando le sue precedenti dichiarazioni, sembra già un gran bel passo avanti.


Le dichiarazioni di Giulia De Lellis sui libri

Qualche tempo fa, la De Lellis, ospite a Mai Dire Talk, aveva rilasciato delle dichiarazioni un tantino sconcertanti. Giulia, fin dalla sua partecipazione a Uomini e Donne, ha sempre ammesso di non amare particolarmente la lettura, ma l’apice l’ha raggiunto quando al Grande Fratello Vip, ha rivelato di non essere mai entrata in una libreria perché lo vede come un luogo noioso. Ora, gusti a parte, nel programma di Italia 1 aveva dichiarato: “Se mi voterebbero se dovessi candidarmi alle elezioni? Secondo me sì, potrei farlo, perché no. Potrei farcela. (…) Non leggo libri, non mi entusiasma l’idea. Io vorrei anche leggere. Io i libri però li compro, ma non li leggo. Ci provo, però mi annoiano i libri. Ammetto, è vero che sono entrata in libreria e non sapevo cosa fare, è successo.

Però un libro l’ho letto in quinta elementare. In quinta elementare la mia dolce maestra Teresa mi ha letto Il Piccolo Principe, che è un libro che mi è rimasto nel cuore. L’unico libro che sono riuscita a terminare, sempre con la maestra Teresa. Di recente mia sorella me l’ha anche regalato e mi ha detto ‘se leggi solo questo almeno lo hai’. Se scriverò mai un libro? Magari, potrebbe essere un’idea”. Queste sue parole avevano generato una bufera web non indifferente, soprattutto per la sua geniale idea di scrivere un libro per poterne leggere finalmente uno. Oggi però, grazie a questa sua ammissione, sappiamo che di libri ne ha letti 3, i due ‘pink’ sulla moda e quello della sua cara maestra, quindi, potremmo tirare un sospiro di sollievo perché, forse, non ne scriverà mai uno. La De Lellis sarà anche un’esperta di moda, una web influencer o una stilista, ma per scrivere un libro avvincente ci dovrebbero essere delle basi che, nel suo caso come in tanti altri, mi sembrano inesistenti.

© Riproduzione riservata
Leggi anche