Fiat e la benzina gratis? Non tutto è oro ciò che luccica (come spe

Fiat promette benzina a un euro per tre anni a chi acquista un nuovo modello, ma quelli di Altroconsumo “smontano” il miraggio dello spot

Secondo me è da un pezzo che la Fiat, tra le tante altre cose, non azzecca uno spot decente. L’ultimo, che sta facendo molto discutere e che promette benzina a un euro per tre anni a chi acquista una nuova auto, non fa eccezione. Soprattutto perché vi si può leggere un sottotesto – ma forse sono io malizioso – non esattamente lusinghiero per la casa di Torino (o Detroit, non ho più capito bene).

Del tipo: “Ehi, lo sappiamo che le nostre macchine non sono il massimo, ma se te ne prendi una ti regaliamo il carburante per tre anni”. Oppure, ma qua vale solo per i comunisti (ma poi, esistono ancora?), ci si potrebbe leggere una cosa del genere: “Ehi, sappiamo di non essere il massimo della simpatia, e di licenziare e assumere gli operai in base alle loro idee politiche e sindacali, ma se ti prendi una nostra auto…” eccetera, eccetera.

Poi, scherzi a parte, nell’anno del Signore 2012 anche gli italiani – che pure dalla televisione si sono fatti rifilare qualsiasi tipo di bidone (pensate a Forza Italia) – hanno capito che quando l’offerta è troppo allettante, c’è di sicuro sotto qualche fregatura. E infatti anche in questo caso i conti sembrano non tornare, almeno così dicono quelli di Altroconsumo, che nel loro campo sono parecchio bravi (e che hanno annunciato un esposto contro Fiat all’Antitrust per pubblicità ingannevole).

Vi rimando alla loro analisi: il succo è che la benzina promessa da Marchionne è strettamente contingentata (al massimo copre 6.000km all’anno, contro i 10.000 di percorrenza media), valida solo in alcuni esercizi e in definitiva molto meno conveniente dei normali sconti sul prezzo dell’auto.

(In alto: Marchionne, fonte: Infophoto).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Miley Cirus sexy lato B: le foto in pantaloncini e top

Tifose Euro 2012: Micaela Schaefer, Natalia Siwiec e Paula Labareda

Leggi anche
Contents.media