Fashion blogger ladra: il Corriere e il fact checking (che non c'Š)

Il caso della fashion blogger di Milano accusata di rubare abiti di lusso, il patatrac del Corriere.it e il “fact checking” (che non c’Š).

Una regola non scritta del giornalismo afferma che prima di pubblicare una notizia c’Š bisogno che coincidano almeno due fonti. L’incrocio dei dati e la verifica delle informazioni, infatti, Š fondamentale per non incappare in guai anche seri.

In quanto blogger, ho la premura di controllare pi— volte la fondatezza d’un cosiddetto scoop.

A costo di perdere quindici minuti in pi— facendo ricerche, preferisco per quanto possibile parlare di eventi certi… in particolare quando coinvolgono i “non-vip“, cioŠ le persone poco conosciute.

Se mettere a rischio (trad: sputtanare) la reputazione d’un personaggio in vista senza prove certe Š gi… di per s‚ un’operazione poco saggia, molto pi— vile a mio avviso Š quando si gioca con il nome dei “pesci piccoli“, coloro cioŠ che non hanno alcuna chance di potersi difendere mediaticamente. Bisogna andarci decisamente cauti, perchŠ si ha letteralmente tra le mani la dignit… d’una persona.

Ora, che la fretta sia cattiva consigliera lo sanno anche i sassi. Solo che nell’Era dell’Informazione sembra non esserci pi— tempo per controllare quanto si scrive. L’ansia di pubblicare, di ottenere i click, di piazzar lo scoop travolge tutti… perfino il Corriere.it, che ieri ha combinato un disastro riportando una news (ripresa anche dal TG1) senza per• le dovute accortezze e tirando in ballo blogger senza colpe, che han visto il loro nome associato al termine “ladro”.

Ci• che sconcerta Š 1) la relativa facilit… con cui una persona viene sbattuta in prima pagina – crocefissa in sala mensa, direbbe Fantozzi – senza prima una accurata verifica delle fonti, e 2) l’apparente assenza di professionalit… e trasparenza: questo “giornalismo” (le virgolette, permettetemi, sono d’obbligo) costringe a sparare l’articolo in homepage, poi a correggere in fretta e furia gli errori grazie alle segnalazioni di un’utenza inviperita (ma senza segnalare le correzioni), poi addirittura a cancellare i commenti ritenuti sconvenienti (in modo da occultare l’errore iniziale). Di cosiddetto “fact checking“, cioŠ l’accertamento dei fatti, nemmeno l’ombra. Di senso etico, ahinoi, idem. Di eleganza, pare, ancora meno.

UPDATE = Corriere.it ha pubblicato la rettifica online, scusandosi sia con i lettori sia con le persone coinvolte ingiustamente. Qui il link.

(grazie a Caterina per l’imbeccata su Twitter)

Segui TELE DICO IO su Facebook e Twitter!

ALTRI LINK:

Fashion blogger ladra, la rettifica di Corriere.it e la verifica delle fonti

Hip Hop lancia Blogger Buster: al via la caccia ai fashion blogger

Tezenis e Lost in Fashion insieme: reality sulla vita dei fashion blogger

Maybelline presenta alle fashion blogger la nuova linea MNY

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Selena Gomez testimonial e designer per le Adidas NEO

Melanie Brown allo "scoperto": immagini bollenti direttamente da Sydney

Leggi anche
Contents.media