Escort, squillo, prostitute: proviamo a suggerire qualche parola al Tg1 per descrivere Patrizia D'Addario e le altre ragazze del Barigate?

La differenza tra giornalismo schierato e (dis)informazione di regime è semplice. Nel primo caso le notizie vengono sempre riportate, tutte, anche quelle che non piacciono, e poi vengono interpretate e commentate a seconda dell'inclinazione politica. Nel secondo caso le notizie scomode vengono cestinate, oscurate, nascoste: non si dice al pubblico ciò che potrebbe comportare dei problemi per il potere.

L'informazione del principale telegiornale italiano, quello della prima rete, rientra con tutta evidenza nella seconda categoria, quella dell'informazione controllata modello Iran o Nord Corea, dove le notizie sgradite al regime vengono censurate.

Nel recente caso del Barigate abbiamo avuto l'ennesima conferma: la notizia delle indagini sulle escort che sarebbero state pagate per partecipare a delle serate nelle residenze private di Berlusconi, ancora ieri al Tg1 semplicemente non è stata data. Si è parlato esclusivamente di «presunto ingaggio di ragazze per avvicinare i potenti a feste», così da generare anche degli effetti ridicoli e paradossali nella narrazione del notiziario.

Perché se svuoto la notizia parlando genericamente di donne e feste, allora risultano del tutto spropositate le dichiarazioni indignate dei politici del centro-destra e del premier stesso che vengono riferite. Insomma, l'ignaro telespettatore del Tg1 è portato a domandarsi: embé, è così grave accusare qualcuno di invitare un paio di ragazze a una cena? Perché tanto clamore?

Quindi, per evitare questo genere di fraintendimenti, suggeriamo ad Augusto Minzolini, direttore del telegiornale di Rai uno, di provare a chiamare queste gentili signorine coinvolte nell'inchiesta con il loro nome. Si può scegliere tra una nutrita lista di sinonimi: escort, squillo, accompagnatrici, prostitute, peripatetiche, lucciole, cortigiane, meretrici e via di seguito, tralasciando le espressioni più volgari. Così, giusto per fare quello per cui si è pagati: informare.

Da segnalare infine la maggiore correttezza del Tg5, che seppur con una certa dose di reticenza fornisce un quadro sufficientemente chiaro della situazione e cita esplicitamente le dichiarazioni di Patrizia D'Addario (mai nominata dal Tg1), usando espressamente la parola prostituzione. Insomma Minzolini è riuscito ad essere più berlusconiano del principale notiziario Mediaset, a quando il sorpasso su Emilio Fede?

(Nella foto: Julia Roberts in Pretty woman, nei panni della prostituta più celebre della storia recente del cinema).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Villa Certosa e le nuove foto de L'Espresso: si avanzano le prime ipotesi sui nomi delle ospiti di Silvio Berlusconi (finite nei reality?)

Ma quanto rompono i coglioni le trombette (vuvuzelas) della Confederations Cup?

Leggi anche
Contents.media