Emilio Fede licenziato da Mediaset: il comunicato stampa tradotto

Ecco il comunicato con il quale Mediaset caccia Emilio Fede dall’azienda, in versione originale e tradotto per voi con la nostra versione satirica del Parla come mangi

Come un filmine a ciel sereno, arriva la notizia che non t’aspetti: Mediaset licenzia in tronco Emilio Fede e gli porta via il Tg4, affidato a Giovanni Toti di Studio Aperto. Per l’occasione rispolveriamo la nostra rubrica satirica Parla come mangi, per tradurre il comunicato stampa diffuso dall’azienda del Biscione (il testo virgolettato è originale, quello in corsivo ovviamente è nostro).

“In una logica di rinnovamento editoriale della testata, cambia la direzione del Tg4.”

Dopo 21 anni di Emilio Fede, un telegiornale diventato una barzelletta mondiale e un direttore accusato di essere un pappone che scappa pure in Svizzera col malloppo, abbiamo deciso che forse era il caso di cambiare.

“Dopo una trattativa per la risoluzione consensuale del rapporto di lavoro non approdata a buon fine, Emilio Fede lascia l’azienda.”

Abbiamo tentato in tutti i modi di levarcelo dalle balle, ma si era attaccato alla sedia col Vinavil, manco fosse Silvio a Palazzo Chigi!

Mediaset lo ringrazia per il lavoro svolto in tanti anni di collaborazione e per il contributo assicurato alla nascita dell’informazione del Gruppo. Giovanni Toti, direttore responsabile di Studio Aperto  è il nuovo direttore designato del Tg4.”

Comunque lo ringraziamo per i tanti anni di propaganda a favore di padron Silvio. I nostri telespettatori però possono stare tranquilli: l’informazione vera, libera e neutrale su questi schermi non la vedrete mai. Infatti a sostituire Fede chiamiamo uno di Studio Aperto.

Per leggere gli altri episodi di Parla come mangi clicca qui.

(In foto: Emilio Fede; fonte: infophoto).

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Amici di Maria de Filippi: al via il serale con Belen Rodriguez

Madonna: polemica sul presunto invito all'utilizzo di droghe

Leggi anche
Contents.media