Home » Attualità » Personaggi » Elettra Lamborghini sugli antirazzista da tastiera: “Siete i peggiori”

Elettra Lamborghini sugli antirazzista da tastiera: “Siete i peggiori”

|

Elettra Lamborghini ha pubblicato uno sfogo contro gli "antirazzisti da tastiera" e ha spiegato la sua visione del BlackOutTuesay.

Elettra Lamborghini, attraverso il suo profilo Instagram, ha pubblicato un lungo sfogo contro gli “antirazzisti da tastiera”. La cantante di ‘Musica e il resto scompare’ ha preferito non partecipare al BlackOutTuesay e ha spiegato le sue motivazioni.

Elettra Lamborghini contro gli antirazzisti

La morte ingiusta di George Floyd, il 46enne afroamericano ucciso dalla polizia a Minneapolis, ha scatenato grandi proteste in tutta l’America e dibattiti in ogni angolo del globo. Elettra Lamborghini, attraverso il suo profilo Instagram, ha pubblicato una serie di Stories in cui si è sfogata contro gli “antirazzisti da tastiera”. Nello specifico, la cantante di ‘Musica e il resto scompare’ ha spiegato il motivo per cui non ha partecipato alla manifestazione virtuale BlackOutTuesday. Quest’ultima, condivisa da Vip e non, è andata in scena lo scorso 2 giugno e prevedeva la pubblicazione di un quadrato nero a sostegno delle vittime di razzismo. Elettra ha dichiarato:

“Non mi piace pubblicare quello che pubblicano gli altri, perché è semplicemente un hype. Loro non sanno neanche cosa sta succedendo nel mondo. Celebrano le giornate per i gay e poi sono i primi a chiamarli “fro*i”. Oggi è la giornata in cui bisogna mettere la foto nera, e poi sono i peggio razzisti. Io non ci sto, se foste tutti così buoni non sarebbe un mondo di mer*a, quindi non fate gli ipocriti perché alla fine si parla di questo”.

La Lamborghini, poi, si è rivolta alla popolazione italiana e ha tirato in ballo l’atteggiamento di molti contro i migranti. Elettra ha tuonato:

“Voi siete gli stessi che qualche mese fa ve la prendevate quando sbarcavano quelle quattro vite in Italia, che poi erano bambini e madri (vorrei vedere se fossero stati i vostri famigliari), siete gli stessi che giudicano dal colore della pelle. Io compatisco quelle persone che non vedono al di là del loro naso e non sanno niente, non sanno la bellezza che ci può essere dietro una cultura differente. Però così non andiamo da nessuna parte. Postare una foto e essere i peggio razzisti non serve, non è quello il cambiamento”.

Il ragionamento della Lamborghini non fa una piega, ma si sa: in situazioni estremamente delicate il ‘politically correct’ è di gran moda.

Scritto da Fabrizia Volponi

Scrivi un commento

1000

George Clooney: “Il razzismo è la nostra pandemia”

When They See Us, la serie tv da vedere dopo la morte di George Floyd

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.