Notizie.it logo

Disney in lutto: è morto l’attore ventenne Cameron Boyce

cameron boyce

Il mondo Disney ha perso uno dei suoi attori più acclamati: il giovanissimo Cameron Boyce. L'annuncio della morte è arrivato dalla famiglia

Il mondo Disney ha perso uno dei suoi attori più acclamati, il giovanissimo Cameron Boyce. Il ragazzo aveva solo vent’anni e l’annuncio della scomparsa è arrivato dalla sua famiglia. Pare che avesse dei problemi di salute e che stesse cercando di curarsi, ma che nella notte appena trascorsa abbia avuto una brutta crisi respiratoria.

La morte di Cameron Boyce

L’attore Cameron Boyce, giovanissimo volto del mondo Disney, è morto il 7 luglio 2019 a seguito di una crisi respiratoria. Ad annunciare la terribile notizia è stata la famiglia del ragazzo che, attraverso una nota stampa, ha reso pubblica la vicenda. Si legge: “Siamo molto tristi in questo momento e chiediamo la privacy per affrontare questo dolore per la perdita del nostro prezioso figlio e fratello. Cameron è morto nel sonno dopo un attacco respiratorio, risultato di una condizione medica per la quale era in cura”. Non sappiamo ancora quale sia la malattia di Cameron, ma, da quello che si legge nel comunicato, il ventenne è morto nel sonno dopo una crisi respiratoria che ha reso inutili i soccorsi.

La famiglia ha anche chiarito che Boyce aveva un probelma medico che stava cercando di risolvere e che la morte è sopraggiunta all’improvviso. Subito dopo la nota stampa della famiglia dell’attore è arrivato anche il commento della Disney. Attraverso un portavoce, ha fatto sapere: “Boyce ha sempre avuto un incredibile talento per la recitazione. Nonostante la giovane età è riuscito a condividere con il mondo intero la sua bravura”. Effettivamente, Cameron aveva solo vent’anni, ma alle spalle aveva una carriera notevole, visto che aveva inziato a lavorare come modello e attore a soli sette anni.

Chi era Cameron Boyce?

Cameron, classe 1999, era nato a Los Angeles da Victor e Libby Boyce. A soli 7 anni ha iniziato la carriera da modello, apparendo nel catalogo promozionale della Disney. Successivamente ha partecipato alle campagne pubblicitarie di Garnet Hill, Wilsons Leather, Jakks Pacific, Nestlé e K-Mart. A 8 anni, ormai lanciato nel mondo della moda, viene scelto per gli spot di Kraft Macaroni and Cheese, Fruit Loops e Bisquick.

Nel 2008 Boyce viene ingaggiato dal gruppo statunitense Panic at the Disco per il video del brano That Green Gentleman. Da questo momento è richiesto anche da altre band, come gli Ice Cube per la canzone Ya’ll Know How I Am. Dai video musicali alla televisione il passo è breve, tanto che, sempre nel 2008, viene scelto per interpretare il ruolo di Michael ‘Stone’ Cates Jr. nella soap opera General Hospital: Night Shift. Nello stesso anno arriva anche il cinema e Boyce debutta nei film Riflessi di paura e Eagle Eye. Il 2010 è la volta di Un weekend da bamboccioni, dove lo vediamo nei panni del figlio del protagonista Adam Sandler. Poco dopo, la webserie The Legion of Extraordinary Dancers lo consacra anche come ballerino. Dopo questo ingaggio, in molti lo scelgono proprio per le sue qualità danzanti. Lo vediamo in Buona fortuna Charlie, nell’episodio Gli allegri danzanti Duncan, in Judy Moody and the Not Bummer Summer e in A tutto ritmo.

Nel 2011 è la volta della serie Tv Jessie, in cui interpreta Luke Ross, nel 2013 il film Un weekend da bamboccioni 2, nel 2015 è Conor nella serie Tv Gamers Mania e nella sitcom Liv e Maddie. Successivamente Cameron diventa uno dei volti più apprezzati della Disney e lo vediamo in Descendants dove interpreta il figlio di Crudelia De Mon. Nel 2017 torna nei panni di Carlos De Mon in Descendants 2. Il mondo del cinema ha perso un attore non solo giovanissimo, ma anche bravo.


© Riproduzione riservata

Scrivi un commento

300
Fabrizia Volponi
Fabrizia Volponi nata ad Ascoli Piceno nel 1985. Laureata in "Scienze Storiche" e in "Scienze Religiose", sono da sempre appassionata di lettura e di scrittura. Divoro libri e li recensisco sul mio Blog Libri: medicina per il cuore e per la mente. Lasciatemi in una libreria, possibilmente piccolina e vintage, e sono la donna più contenta del mondo.
Leggi anche