David di Donatello 2012: trionfano ancora i fratelli Taviani con "Cesare deve morire"

Dopo il successo alla Mostra del cinema di Berlino dove Cesare deve morire era valso ai due registi italiani l’Orso d’oro, Paolo e Vittorio Taviani hanno portato a casa cinque David di Donatello (i più importanti), riconoscimenti assegnati dall’Ente David di Donatello dell’Accademia del Cinema Italiano.

Dopo aver  ricevuto, due anni fa, il David alla carriera, i Taviani hanno portato a casa i premi per la miglior regia, il miglior film, il miglior montaggio, il miglior produttore e il miglior fonico di presa diretta.

Anche Paolo Sorrentino, con l’ “americano” This must be the place, ha vinto cinque statuette: miglior sceneggiatura, miglior direttore della fotografia, miglior musicista, miglior canzone originale e miglior truccatore.

Migliore attore, invece, è il pontefice Michel Piccoli di Habemus Papam di Nanni Moretti (film che porta a casa anche il premio per la migliore scenografia e i migliori costumi).

Migliore attrice protagonista Zhao Tao per Io sono Li di Andrea Segre.

Il super favorito Romanzo di una strage, che si era aggiudicato ben 16 candidature, guadagna solo due statuette: quelle per il miglior attore non protagonista, Pierfrancesco Favino, e per la migliore attrice non protagonista Michela Cescon (i coniugi Pinelli del film).

A mani vuote restano Emanuele Crialese che correva con Terraferma e Ferzen Ozpetek con Magnifica presenza.

Ecco l’elenco dei vincitori:

Miglior film: Cesare deve morirePaolo e Vittorio Taviani

Miglior regista: Paolo e Vittorio Taviani, Cesare deve morire 

Miglior attore protagonista: Michel Piccoli, Habemus Papam 

Miglior attrice protagonista: Zhao Thao, Io sono Li

Miglior attore non protagonista: Pierfrancesco Favino, Romanzo di una strage

Miglior attrice non protagonista: Michela Cescon, Romanzo di una strage

Miglior direttore della fotografia: Luca Bigazzi, This Must Be The Place

Miglior montatore: Cesare Perpignani, Cesare deve morire

Miglior sceneggiaturaPaolo Sorrentino e Umberto Contarello, This Must Be The Place

Miglior regista esordiente: Francesco Bruni, Scialla!

Miglior produttore: Grazia Volpi di Kaos Cinematografica per Cesare deve morire

Miglior canzone originale: “If it falls, it falls” di This Must Be the Place

Miglior truccatore: Luisa Abel,  This must be the place

Miglior acconciatore: Kim Santantonio, This must be the place

Miglior documentario: Stefano Savona con Tahirir Liberation Square 

Miglior film dell’Unione Europea: Quasi amici di Olivier Nakache & Eric Toledano

Miglior film straniero: A separation, di Asghar Farhadi

Migliore scenografo: Paola Bizzarri, Habemus Papam

Migliore costumista: Lina Nerli Taviani, Habemus Papam

David Speciale alla Carriera: Liliana Cavani

 

LINK UTILI 

Diaz, il film: trailer e recensione dell’opera di Daniele Vicari

To Rome with Love: trailer, cast e trama del film italiano di Woody Allen 

Pollo alle prugne: trama e trailer del film di Marjane Satrapi e Vincent Paronnaud  

Good As You: trailer del film di Mariano Lamberti, la commedia gay al centro di polemiche 

Titanic 3D trailer: in uscita in Italia la storia d’amore più profonda del cinema

Scritto da Style24.it Unit
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

I Mercenari 2: trailer e cast definitivo dell'action di Stallone

Cielo Rojo: soap opera Lady Channel – trashcronaca episodio 23

Leggi anche
Contents.media