Home » Attualità » Dario Argento contro Federico Zampaglione: sconfessa il cantante dei Tiromancino, non è il suo erede

Dario Argento contro Federico Zampaglione: sconfessa il cantante dei Tiromancino, non è il suo erede

|

Altro che Festival del cinema dedicato ai più giovani! Il Giffoni quest’anno sembra piuttosto essere la fiera dell’infamata.

Dopo la sparata a zero di Giovanni Allevi ai danni dell’incolpevole Ludwig van Beethoven (che tra l’altro è morto e non può rispondere) ecco arrivare un’altra polemica a distanza, questa volta ambientata nel sanguinario mondo del cinema horror italiano.

L’ospite d’onore Dario Argento, uno che non ha bisogno di presentazioni essendo stato negli anni ‘70 un personaggio leggendario all’interno del filone del terrore tricolore, ha infatti voluto ribadire come non riesca a vedere nell’attuale panorama un suo successore ufficiale, qualcuno che gli sia all’altezza.

Tra tutti gli aspiranti in campo Dario ha voluto esprimere il proprio disappunto per l’accostamento ai tentativi registici di Federico Zampaglione, autore di Shadow e del recente Tulpa (film che ha scatenato non poche controversie): “Si crede il mio erede, ma non c’entra niente con me“.

Il maestro dell’orrore ormai decaduto (”Cos’è, una parodia?“, ha chiesto una mia inconsapevole amica guardando di sfuggita qualche minuto di Dracula 3D) ha quindi fatto terra bruciata intorno a sé.

La risposta dell’accusato, che recentemente si sta leccando le ferite per l’accoglienza non proprio calorosa riservata alla sua ultima pellicola, non si è fatta attendere. Come preventivabile si tratta di un fastidioso intreccio di giustificazioni non richieste, recriminazioni, vittimismo e attacchi ben poco velati:

Io non ho mai creduto di essere il tuo erede , questa cosa è stata invece spesso affermata da giornalisti, fan , siti , festival e riviste in tutto il mondo. Io però non ne ho colpa.
In ogni caso vorrei dirti che non mi considero affatto al tuo livello, tu sei una leggenda mentre io sono solo un musicista – regista appassionato di horror, che sta cercando di dare il suo contributo ad un genere che in Italia oggi vive un momento difficile.
Al di là di questo, la tua dichiarazione , che mi mette in una luce arrogante, mi amareggia soprattutto perché oltre ad un maestro, ti ho sempre considerato un amico ed una persona di buon cuore. Non me lo aspettavo e sinceramente per quanto mi sforzi, non riesco a capire il motivo di questa tua improvvisa esternazione.

Ora ci si chiede solo chi sarà il prossimo vip del Giffoni a prodursi in una clamorosa litigata con qualche rivale/collega…

Foto: Getty Images

Scritto da Style24.it Unit

Scrivi un commento

1000

Penelope Cruz e Javier Bardem: fiocco rosa per la coppia

Sacha Baron Cohen non sarà Freddie Mercury nel film biografico

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.