Home » Attualità » Personaggi Tv » Daniela Martani contro la chemioterapia: “Chi l’ha fatta è morto”

Daniela Martani contro la chemioterapia: “Chi l’ha fatta è morto”

|

Daniela Martani, ospite de La Zanzara, si è scagliata contro la chemioterapia.

Daniela Martani ha colpito ancora. Intervenuta telefonicamente nel programma radiofonico La Zanzara, l’ex gieffina si è scagliata contro la chemioterapia e ha ribadito che lei ha un “sistema immunitario fortissimo” grazie all’alimentazione vegana. Come al solito, le sue dichiarazioni hanno fatto discutere.

Daniela Martani contro la chemioterapia

L’ex gieffina Daniela Martani è ‘tornata’ ospite nel programma radiofonico La Zanzara e ha sganciato una delle sue ‘perle’. Questa volta, l’animalista si è scagliata contro la chemioterapia, sostenendo che questa cura genera solo morte. Ha dichiarato:

“Tutte le persone che conosco che hanno fatto radio e chemioterapia sono morte. Mio padre ha fatto la radio e la chemio ed è morto. Conosco amici morti a 45 anni di tumore allo stomaco che avevano fatto la radio e la chemio. Non puoi far passare la chemio come la cura del tumore, ho libertà di scegliere. Io chemio e radioterapia non le farò mai. C’è gente che guarisce non facendole“.

Daniela, come tante altre persone, è contraria alla chemioterapia. Eppure, ad oggi, questa è l’unica ‘cura’ prevista per il cancro. Non che sia risolutiva, sia chiaro. Il tumore, purtroppo, ha tante variabili da considerare e non esiste ancora una ‘pillola’ miracolosa. La Martani ha ammesso che ha un sistema immunitario fortissimo, anche grazie all’alimentazione che seguo”. Ovviamente, essendo da anni animalista e vegana convinta, sostiene che le sue ‘cure naturali’ siano importantissime e aggiunge che vive “la vita con fatalità”.

Il Palio di Siena

Dopo questo sproloquio ‘no sense’, la Martani si è scagliata contro il Palio di Siena e ha esultato per l’annullamento dell’edizione 2020. Ha dichiarato:

“La ritengo una delle tante cose positive del Covid-19, è una festa di trogloditi, uno spettacolo orrendo. Finalmente, a Siena puntassero su altro, spero sparisca per sempre. Insegnerà alle persone a concentrarsi su altro e non su spettacoli vergognosi. (…) Lo stop ci farà capire che non serve a nulla, viviamo benissimo senza Palio. Chi se ne frega della tradizione, tradizione vuol dire rimanere legati a qualcosa che ormai è superato. Il Palio è uno spettacolo indegno che serve soltanto per incassare denaro”.

Come la prenderanno i fan accaniti del Palio di Siena? Di certo, quanto dichiarato sulla chemioterapia è ben più grave.

Scritto da Fabrizia Volponi

Scrivi un commento

1000

Stasera in tv 28 maggio 2020: la programmazione completa

Sasha Pieterse è incinta: l’annuncio della star di Pretty Little Liars

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.