Investi in Notizie.it e diventa editore del tuo giornale 🚀
Diventa socioInvesti e diventa socio di Notizie.it 🚀
Notizie.it logo

Cuoio capelluto sensibile? Risolvere il problema in 4 mosse

Cuoio capelluto sensibile? Risolvere il problema in 4 mosse

Le cause che possono provocare l’iper-sensibilità del cuoio capelluto possono essere diverse: vediamo insieme quali sono e come risolvere il problema in poche mosse.



Prurito, bruciore e formicolii in testa? Se vi riconoscete in questi sintomi, allora è molto probabile che possiate soffrire di cuoio capelluto sensibile: una condizione che colpisce più del 40% della popolazione femminile, e che in certi casi può diventare quasi insopportabile. Nulla di preoccupante, però: molto spesso si tratta infatti di una situazione transitoria che si può risolvere con poche e semplici mosse.

Sensibilità del cuoio capelluto: le cause

Le cause che possono provocare l’iper-sensibilità del cuoio capelluto possono essere diverse: fra queste si trova ad esempio un’alterazione nell’equilibrio della produzione di olio sebaceo, che può appunto portare ad una forte irritazione della testa. Anche un regime alimentare poco sano può provocare questa conseguenza, insieme all’ansia e allo stress, allo smog cittadino e all’uso di prodotti detergenti molto aggressivi. Le motivazioni che spingono la cute a un’eccessiva sensibilità sono quindi di diversa natura, ma possono tutte essere mitigate con le giuste abitudini.

Usare sempre prodotti delicati

Il metodo principale per prendersi cura di un cuoio capelluto irritato è usare prodotti adeguati: si comincia dunque dagli shampoo oleosi pensati appositamente per la cute sensibile. Questi prodotti producono infatti poca schiuma e dunque non vanno a stressare ulteriormente la testa, un fattore molto importante per evitare sintomi quali il formicolio e il bruciore. Attenzione inoltre che gli shampoo usati siano emollienti, dato che aiutano a mantenere l’equilibrio del cuoio capelluto anche in termini di salute della barriera idrolipidica.

Lavarli con minore frequenza

I lavaggi, anche se delicati, diventano comunque una fonte di stress per il cuoio capelluto, il quale tende dunque ad irritarsi di più. È per questo motivo che si consiglia di abbassare il numero di lavaggi, arrivando al massimo alle due o tre volte a settimana.

Così facendo eviterete di eliminare tutti i nutrimenti che si trovano naturalmente sul cuoio e che sono essenziali per il suo equilibrio lipidico.

capelli

Le maschere nutrienti

Le maschere nutrienti possono diventare una preziosa risorsa per la salute del cuoio capelluto sensibile, perché vanno ad irrorare la testa di sostanze salutari anche per i capelli. Fra le migliori maschere rigeneranti si trova quella all’olio di argan, insieme alla maschera realizzata con yogurt magro e miele di api.

Curare l’alimentazione

Anche l’alimentazione è un fattore importantissimo per salvaguardare la salute del cuoio capelluto e dei capelli. Qui il suggerimento è di puntare sulla frutta e sulla verdura, specialmente per via delle proprietà detossinanti di questi cibi. Si tratta infatti di alimenti in grado di disintossicare il cuoio capelluto e di fare il pieno di vitamine e minerali: elementi indispensabili per la sua salute e per il benessere dei capelli. Trattare il cuoio capelluto sensibile è una questione di mosse: un po’ come nel gioco degli scacchi, serve conoscere i movimenti giusti e farli per tempo.

© Riproduzione riservata
Leggi anche