Home » Attualità » Personaggi Tv » Crisi della comicit…, crisi della tv. Una Social Card salver… tutti e tutto

Crisi della comicit…, crisi della tv. Una Social Card salver… tutti e tutto

| | ,

Quando i dinosauri – ne cito uno a caso, Aldo Grasso. A caso, vè – fanno un piccolo passo per il giornalismo, ma un grande passo per l'umanità, possiamo veramente dire di essere entrati in una nuova era di sana e gioiosa prosperità.

Eh, lo so, c'è poco da ridere in questo momento, la crisi si fa sentire. Tranquilli, la social card ci salverà. Quaranta euro saranno garantiti. Un paio di pizze non ve le leva nessuno, potrete anche aggiungere la mozzarella di bufala e rientrerete nelle spese.

Il paragrafo sopra non c'azzecca nulla, ritorno sui miei passi. Dicevo che quando un dinosauro come Grasso sbircia quell'infame mondo chiamato internet e ne coglie un aspetto positivo, e importante, centrale, che potrebbe segnare l'evoluzione dei format televisivi nei prossimi anni, allora vuol dire che la rivoluzione in atto da anni è proprio sotto gli occhi di tutti; anche dei professori universitari, gli ultimi ad accorgersi di qualsiasi evoluzione perchè legati a quelle teorie degli anni '30 che hanno contribuito a far diventare leggi universali. Leggi da conservare con orgoglio per non gettarle nell'oblio.

Scrive Grasso sul Corriere parlando di satira in tv e di crisi degli ascolti (e dei comici).
Come mai l'annata è così modesta? L'ironia è l'arsenale di luce di chi ha patito tutto il patibile: da noi, quelli che si vogliono ironici, dissacranti e alternativi, lucrano sulle loro battute per un business fuori dell'ordinario: cabaret, tv, pubblicità, editoria, Siae, convention. Ah, le maledette convention, rovina di tutti comici! Forse è tutta colpa di YouTube se la satira pare in crisi. Ormai sui YouTube c'è tutto, il meglio del meglio, il peggio del peggio. Da tutto il mondo, poco dopo la messa in onda. La personalizzazione dell'ascolto offerta dal web fa sì che invece di seguire tutt'intera una trasmissione (due ore di noia o di barzellette mascherate in cambio di dieci minuti di allegrezza), lo spettatore possa scegliere solo cosa gli interessa: YouTube è un'antologia globale intelligente. Si vede anche come le imitazioni di Sarah Palin fatte alla tv americana siano meglio delle nostre.L'era del Grasso analogico è finita. Ora Aldo è un uomo digitale, di quelli che accendono il pc e digitano www.ilnomedicuituttiparlanoechedevoalmenovedere.com Apprezziamo i piccoli passi, sono la dimostrazione che le caste sono ormai obbligate a vivere i cambiamenti. O a subirli. Diamo loro una Social Card che li aiuti ad uscire dalla crisi: 1 pillola di saggezza all'anno, che non è mai il caso di esagerare.

Arriva la quinta stagione di Desperate Housewives: le scelte di Sky e i serial

L'acqua di Roberto Bolle, l'adsl di Valentino Rossi o la birra Heineken: qual'è lo spot più bello dell'anno?

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.