Costanza Rizzacasa d’Orsogna contro Ogni Mattina: “Caso umano”

Costanza Rizzacasa d'Orsogna, che si batte contro il fat shaming e il bullismo, si è scagliata contro Ogni Mattina: il retroscena.

Scivolone di stile per Ogni Mattina, programma quotidiano di Tv8 condotto da Adriana Volpe. La conduttrice, al timone senza più Alessio Viola al suo fianco, ha commesso un errore che potrebbe costarle caro. Protagonista della gaffe, giusto per utilizzare un eufemismo, è la giornalista Costanza Rizzacasa d’Orsogna, che ha pubblicato un lungo sfogo su Twitter.

Costanza Rizzacasa contro Ogni Mattina

Costanza Rizzacasa d’Orsogna, giornalista, firma del Corriere della Sera e scrittrice, si batte da anni contro il fat shaming e il bullismo.

Eppure, la produzione di Ogni Mattina, programma in onda su Tv8, le ha riservato un trattamento a dir poco imbarazzante. A raccontarlo è proprio lei, attraverso il suo profilo Twitter. Costanza ha rivelato che è stata contattata dalla trasmissione condotta da Adriana Volpe per “un segmento sul body shaming”. Dopo qualche incertezza iniziale, la giornalista ha accettato, concordando “il trattamento del servizio”. Ha chiesto espressamente di non essere trattata comeun caso umano, ma, a quanto pare, le sue sono state parole al vento.

“Mi è stato garantito che il livello sarebbe stato ‘alto’ e rispettoso, che questo era proprio lo spirito del segmento e che proprio per questo avevano chiamato me. (…) Parlo per un’ora della mia storia e del mio lavoro, del mio libro e della rubrica anyBody, del lavoro di sensibilizzazione che faccio nelle scuole”, racconta la Rizzacasa D’Orsogna.

Eppure, il servizio andato in onda, registrato presso la sua abitazione, l’ha lasciata a bocca aperta. Nulla di quello che avevano concordato è stato trasmesso, anzi.

Lo sfogo di Costanza

Lo sfogo di Costanza è, giustamente, amaro. Quando ha visto che il servizio che aveva girato è stato per lo più tagliato e ridotto ad un accozzaglia di “banalità“, ha perso le staffe.

“Ieri mattina il programma inizia nel modo peggiore e più trash possibile: un comico dice che le persone grasse dovrebbero imparare a ridere degli insulti. (…) Arriva il mio servizio e incredibilmente non vengo presentata. (…) Non viene proprio detto che sono una giornalista che si occupa di questi temi. Il servizio è tagliato ad arte per farmi dire solo una cosa, ‘scandalistica’ agli occhi del programma: che per gli insulti mi ero chiusa in casa per tre anni”, ha scritto Costanza.

Arrabbiata come non mai, la giornalista sottolinea che il servizio di Ogni Mattina avrebbe potuto intitolarsi “Vi porto allo zoo” oppure “Vi porto a vedere il fenomeno da baraccone. Quanto andato in onda nel salotto di Adriana Volpe è assurdo, soprattutto perché non si sono toccati temi “alti” come promesso.

“Rappresentazioni come quella di ieri fanno malissimo alla percezione delle persone grasse, portano indietro l’Italia. (…) I grassi non sono casi umani. Sono persone normali, con vite ricche, carriere, passioni. Da una rete di Sky non ci si aspetta comportamenti simili. (…) Chiedo la rimozione del servizio e le scuse pubbliche della rete”, ha concluso Costanza.

La Rizzacasa D’Orsogna ha poi ricevuto le scuse da parte di Sky, ma lo sgomento resta. Possibile che, nel 2020, la nostra società sia ancora incentrata sul “caso umano”? Oltre alle influencer che non fanno altro che mostrarci quanto il magro sia bello, possibile che non ci sia più rispetto per le persone? Possibile che la parola data non valga più nulla? Al momento, abbiamo solo una certezza: Costanza continuerà ad occuparsi di fat shaming e bullismo con passione e per questo non possiamo che ringraziarla.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Larry King è morto: il giornalista della CNN aveva il Covid-19

Verissimo, Elisa Isoardi su Matteo Salvini: “L’ho amato tantissimo”

Leggi anche
Contents.media