Home » Attualità » Cinema » Coronavirus, grandi cambiamenti per gli Oscar del 2021: le novità

Coronavirus, grandi cambiamenti per gli Oscar del 2021: le novità

|

Gli Oscar 2021 andranno in scena all'insegna dell'emergenza Coronavirus. Quali sono le novità pensate dall'Academy Awards?

L’edizione 2021 degli Oscar deve necessariamente adeguarsi all’emergenza Coronavirus. Proprio per questo, agli Academy Awards potranno essere candidati anche i film distribuiti direttamente in streaming e non passati in sala. Un cambiamento figlio dei tempi che stiamo vivendo. La domanda sorge spontanea: le ‘modifiche’ sono provvisorie o definitive?

Coronavirus: Oscar 2021

Gli Oscar 2021 andranno in scena all’insegna del cambiamento. L’emergenza Coronavirus ha costretto a modificare le abitudini quotidiane e anche le più grandi manifestazioni mondiali devono adeguarsi ai tempi che corrono. Le novità degli Academy Awards sono diverse, prima fra tutte le candidature dei film distribuiti direttamente in streaming e non passati in sala. Il presidente dell’Academy David Rubin ha dichiarato:

“Crediamo fermamente che non vi sia modo migliore per provare la magia dei film del vederli in un cinema. Il nostro impegno in tal senso è invariato e costante. Tuttavia, la storica tragedia della pandemia di Covid-19 richiede l’adozione di una temporanea eccezione alle nostre regole di ammissibilità dei premi”.

Un cambiamento provvisorio

Il cambiamento, quindi, non è permanente e riguarda solo le pellicole di quest’anno. L’Academy Awards si è vista costretta ad apportare alcune modifiche solo perché tutte le sale cinematografiche sono chiuse e non è ancora chiaro se riapriranno prima del prossimo anno. La speranza è quella di andare in scena con la 93esima edizione dei premi Oscar il 28 febbraio 2021.

Oscar 2021: novità

Per gli Oscar 2021 i titoli potranno uscire direttamente in streaming, ma con una data pianificata precedentemente per l’uscita nei cinema. Inoltre, dovranno essere resi disponibili sul sito streaming riservato all’Academy entro 60 giorni dalla pubblicazione sulle piattaforme. In poche parole: se una casa di distribuzione programma l’uscita in sala di una pellicola ma poi è costretta a lanciarla in streaming perché le sale sono ancora chiuse, quel film è candidabile agli Oscar. Resta il fatto che i titoli distribuiti direttamente in streaming, senza la pianificazione di un’uscita in sala sono esclusi dalla corsa alle nomination. Questa modifica della regola è in vigore fino a nuovo avviso. Un altro cambiamento importante è la nascita di un nuovo premio: l’Oscar sonoro. Questo andrà a inglobare e a sostituire le categorie preesistenti di miglior montaggio sonoro e miglior mixaggio sonoro.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

Diavoli 2, Guido Maria Brera: “Si farà e sarà ambientata nel 2020”

Stasera in tv 1 maggio 2020: la programmazione completa

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.