Home » Attualità » Coronavirus, Lino Banfi: poesia dedicata all’emergenza sanitaria

Coronavirus, Lino Banfi: poesia dedicata all’emergenza sanitaria

|

Lino Banfi ha rivelato di aver scritto una poesia dedicata al Coronavirus: ha preso spunto da 'A Livella' di Totò.

Lino Banfi, ospite della trasmissione radiofonica Un Giorno da Pecora, ha rivelato di aver scritto una poesia dedicata al Coronavirus. L’attore, prendendo spunto da ‘A Livella’ di Totò, ha recitato i versi che ha scritto per lanciare un messaggio importante alla popolazione.

Coronavirus, Lino Banfi: poesia

Lino Banfi, ospite di Rai Radio1 nella trasmissione Un giorno da Pecora, ha parlato dell’emergenza Coronavirus. Già all’inizio del caos, ‘Nonno Libero’ aveva chiesto politici, medici e giornalisti di non parlare di “anziani morti” come se valessero di meno rispetto alle altre fasce d’età. Adesso, invece, Lino ha deciso di scrivere una poesia per lanciare un altro messaggio importante. Traendo ispirazione da ‘A Livella’ di Totò, Banfi ha scritto qualche verso che merita attenzione. L’attore ha recitato:

“Si intitola ‘Aveva ragione Totò‘: puoi esser bello, alto, giovane e miliardario, puoi esser senza tetto, abbandonato e solitario, questo perfido mostro distruttore di polmoni non guarda in faccia all’età di quasi tre generazioni. Poi è diverso da ogni altro virus assassino, ti fa morire da solo senza nessuno vicino. Ma nella sua cattiveria qualcosa ci avrà insegnato: a non dare sempre tutto, o quasi tutto, per scontato”.

Visualizza questo post su Instagram

#LinoBanfi, in diretta su @radio1rai, legge una sua poesia, ispirata alla livella di #Totò. Grazie, nonno d’Italia! . @iogeppicucciari @simpaticolauro . @lino_banfiofficial @linobanfi_fan_page @linobanfireal @linibanfi

Un post condiviso da La pecora di #UGDP (@ungiornodapecora) in data: 27 Mar 2020 alle ore 9:01 PDT

Il messaggio di ‘Nonno Libero’

Il messaggio che Lino ha voluto lanciare con la poesia ‘Aveva ragione Totò‘ è molto importante. Banfi definisce il Coronavirus come un “perfido mostro distruttore di polmoni”. Effettivamente è proprio questo che fa il Covid19. Si impossessa dell’organo e lo disintegra. Ti toglie il respiro e non bada all’età. Alla fine di questa tragedia, però, la popolazione ne uscirà cambiata.

Prima che scoppiasse la pandemia, tutti eravamo abituati a fare, fare e fare ancora. Adesso, invece, siamo costretti all’immobilità. Tutto quello che prima ci sembrava normale, e talvolta banale, oggi è speciale come non mai. Quante volte avete inveito per la fila in tangenziale? Oggi quella stessa coda chilometrica la sognamo. Quante volte vi siete tirati indietro davanti ad un abbraccio troppo stretto? Oggi vorremmo essere avvolti in quella stessa ‘stretta’ per almeno un paio d’ore. Insomma, Lino ha ragione: di certo, alla fine di questa pandemia, avremo imparato a non dare tutto “per scontato”.


A Livella di Totò

Banfi, per sua stessa ammissione, ha preso ispirazione da A Livella di Totò. L’indimenticabile Antonio De Curtis recitava:

“Ogn’anno, il due novembre, c’é l’usanza
Per i defunti andare al Cimitero.
Ognuno ll’adda fà chesta crianza;
Ognuno adda tené chistu penziero.
Ogn’anno, puntualmente, in questo giorno,
Di questa triste e mesta ricorrenza,
Anch’io ci vado, e con dei fiori adorno
Il loculo marmoreo ‘e zi’ Vicenza.
St’anno m’é capitato ‘navventura…
Dopo di aver compiuto il triste omaggio.
Madonna! si ce penzo, e che paura!,
Ma po’ facette un’anema e curaggio.
‘O fatto è chisto, statemi a sentire:
S’avvicinava ll’ora d’à chiusura:
Io, tomo tomo, stavo per uscire
Buttando un occhio a qualche sepoltura.
“Qui dorme in pace il nobile marchese
Signore di Rovigo e di Belluno
Ardimentoso eroe di mille imprese
Morto l’11 maggio del’31”
‘O stemma cu ‘a curona ‘ncoppa a tutto…
…sotto ‘na croce fatta ‘e lampadine;
Tre mazze ‘e rose cu ‘na lista ‘e lutto:
Cannele, cannelotte e sei lumine.
Proprio azzeccata ‘a tomba ‘e stu signore
Nce stava ‘n ‘ata tomba piccerella,
Abbandunata, senza manco un fiore;
Pe’ segno, sulamente ‘na crucella.
E ncoppa ‘a croce appena se liggeva:
“Esposito Gennaro – netturbino”:
Guardannola, che ppena me faceva
Stu muorto senza manco nu lumino!
Questa è la vita! ‘ncapo a me penzavo…
Chi ha avuto tanto e chi nun ave niente!
Stu povero maronna s’aspettava
Ca pur all’atu munno era pezzente?
Mentre fantasticavo stu penziero,
S’era ggià fatta quase mezanotte,
E i’rimanette ‘nchiuso priggiuniero,
Muorto ‘e paura… nnanze ‘e cannelotte.
Tutto a ‘nu tratto, che veco ‘a luntano?
Ddoje ombre avvicenarse ‘a parte mia…
Penzaje: stu fatto a me mme pare strano…
Stongo scetato… dormo, o è fantasia?
Ate che fantasia; era ‘o Marchese:
C’o’ tubbo, ‘a caramella e c’o’ pastrano;
Chill’ato apriesso a isso un brutto arnese;
Tutto fetente e cu ‘nascopa mmano.
E chillo certamente è don Gennaro…
‘Omuorto puveriello…’o scupatore.
‘Int ‘a stu fatto i’ nun ce veco chiaro:
So’ muorte e se ritirano a chest’ora?
Putevano sta’ ‘a me quase ‘nu palmo,
Quanno ‘o Marchese se fermaje ‘e botto,
S’avota e tomo tomo.calmo calmo,
Dicette a don Gennaro:”Giovanotto!
Da Voi vorrei saper, vile carogna,
Con quale ardire e come avete osato
Di farvi seppellir, per mia vergogna,
Accanto a me che sono blasonato!
La casta è casta e va, si, rispettata,
Ma Voi perdeste il senso e la misura;
La Vostra salma andava, si, inumata;
Ma seppellita nella spazzatura!
Ancora oltre sopportar non posso
La Vostra vicinanza puzzolente,
Fa d’uopo, quindi, che cerchiate un fosso
Tra i vostri pari, tra la vostra gente”
“Signor Marchese, nun è colpa mia,
I’nun v’avesse fatto chistu tuorto;
Mia moglie è stata a ffa’ sta fesseria,
I’ che putevo fa’ si ero muorto?
Si fosse vivo ve farrei cuntento,
Pigliasse ‘a casciulella cu ‘e qquatt’osse
E proprio mo, obbj’…’nd’a stu mumento
Mme ne trasesse dinto a n’ata fossa”.
“E cosa aspetti, oh turpe malcreato,
Che l’ira mia raggiunga l’eccedenza?
Se io non fossi stato un titolato
Avrei già dato piglio alla violenza!”
“Famme vedé.-piglia sta violenza…
‘A verità, Marché, mme so’ scucciato
‘E te senti; e si perdo ‘a pacienza,
Mme scordo ca so’ muorto e so mazzate!…
Ma chi te cride d’essere… nu ddio?
Ccà dinto, ‘o vvuo capi, ca simmo eguale?…
…Muorto si’tu e muorto so’ pur’io;
Ognuno comme a ‘na’ato é tale e quale”.
“Lurido porco!…Come ti permetti
Paragonarti a me ch’ebbi natali
Illustri, nobilissimi e perfetti,
Da fare invidia a Principi Reali?”.
“Tu qua’ Natale… Pasca e Ppifania!!!
T”o vvuo’ mettere ‘ncapo…’int’a cervella
Che staje malato ancora è fantasia?…
‘A morte ‘o ssaje ched”e?…è una livella.
‘Nu rre, ‘nu maggistrato, ‘nu grand’ommo,
Trasenno stu canciello ha fatt’o punto
C’ha perzo tutto, ‘a vita e pure ‘o nomme:
Tu nu t’hè fatto ancora chistu cunto?
Perciò, stamme a ssenti… nun fa”o restivo,
Suppuorteme vicino-che te ‘mporta?
Sti ppagliacciate ‘e ffanno sulo ‘e vive:
Nuje simmo serie… appartenimmo à morte!”.

Il messaggio di Totò è, ad oggi, più valido che mai: davanti alla morte siamo tutti uguali.

Scritto da Fabrizia Volponi

Scrivi un commento

1000

GF Vip, Zequila e Licia contro Paola: “Neutro e poco entusiasmante”

Giorgia Palmas e Filippo Magnini, matrimonio saltato: lo sfogo

Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.