Home » Attualità » censura » Citizen Berlusconi: l'Italia vista dagli altri che ci aiuta a giudicare noi stessi

Citizen Berlusconi: l'Italia vista dagli altri che ci aiuta a giudicare noi stessi

| | , , ,

In sociologia si dice che, nella costruzione dell'identità e dell'autostima personale, sia fondamentale capire il modo con cui gli altri ci guardano, l'opinione che chi ci sta attorno si fa su di noi.

È logico no? Se dovessimo maturare un'idea su noi stessi basandoci esclusivamente sul nostro giudizio, rischieremmo di essere un po' troppo di parte e indulgenti. Credo che una cosa del genere dovrebbe avvenire anche a livello di comunità nazionale: dovremmo sentirci fieri di essere italiani in ragione dell'apprezzamento e della considerazione conquistata all'estero, in virtù dell'idea che gli stranieri si sono fatti di noi.

Bene, in questi giorni sta andando in onda sul canale Current (il social news network globale fondato da Al Gore) il documentario Citizen Berlusconi, girato nel 2003 e trasmesso lo stesso anno da alcune delle principali emittenti del mondo, a cominciare dalla Pbs, la tv pubblica statunitense. In Italia dunque siamo in ritardo di sei anni sulla programmazione, ma c'è da scommettere che per vedere questo reportage nella nostra televisione in chiaro dovremmo aspettare molto di più, forse qualche decennio. Magari andrà in onda all'interno de La storia siamo noi, dopo le puntate sul fascismo, chissà.

Per fortuna esistono internet (qua potete seguire la versione sottotitolata andata in onda all'interno del programma Wide Angle della Pbs) e il satellite. L'inchiesta è molto ben curata e documentata e rappresenta un eccelletene esempio dell'idea – fondamentalmente giusta – che gli stranieri si sono fatti dell'Italia: una repubblica delle banane governata da un autocrate miliardario che controlla l'informazione, intimidisce il dissenso e si fa beffe della giustizia.

Ne consiglio caldamente la visione: Citizen Berlusconi ci offre la possibilità di dare un salutare colpo al nostro presunto orgoglio di essere italiani, per cominciare a vergognarci e subito dopo ad adoperarci per cambiare le cose.

Il tripudio delle tette estive sul web. E non solo

Brezza estiva

Scrivi un commento

1000
Leggi anche
Entire Digital Publishing - Learn to read again.