Cetty Sommella è morta: l’attrice era la moglie di Nando Paone

Cetty Sommella è morta: addio all'attrice e autrice teatrale moglie di Nando Paone.

Cetty Sommella, attrice a autrice teatrale, è morta. La triste notizia è stata resa pubblica dal Comune di Pozzuoli e da alcuni colleghi e amici. La donna era la moglie di Nando Paone, apparso recentemente nella fiction di Rai1 Mina Settembre.

Cetty Sommella è morta

Lutto nel mondo dello spettacolo: è morta l’attrice e autrice teatrale Cetty Sommella. A rendere pubblica la triste notizia è stato il Comune di Pozzuoli che, via social, ha scritto: “La scomparsa di Cetty Sommella artista impegnata anche nella formazione di giovani attori nel nostro territorio è una grave perdita per tutta la comunità.

A Nando Paone, suo compagno nella vita e nell’arte, sentite condoglianze“.

Cetty Sommella era sposata con l’attore Nando Paone, recentemente apparso in televisione nella fiction Mina Settembre. Il loro matrimonio, celebrato il 13 giugno del 2015, era stato officiato dall’amico e collega Vincenzo Salemme. La notizia della sua morte ha fatto il giro del web e in molti hanno scritto sui social messaggi di cordoglio.

“Oggi è venuta a mancare una collega, una amica che molte volte ci ha aperto le porte del suo teatro: Cetty Sommella. Attrice, autrice, regista che con Nando ha reso il teatro sala Moliere di Pozzuoli un luogo accogliente, un centro di produzione culturale, un aggregatore di talenti, un punto di riferimento per chi con coraggio sceglie la strada dell’impresa di produzione teatrale. Tutti noi abbiamo avuto il piacere di incontrarti, ci stringiamo al caro Nando, che ha avuto il privilegio di averti accanto ed ora il dolore della perdita. Addio, non ti dimenticheremo”, ha scritto Niko Mucci.

Al momento, non sono state rese pubbliche le cause che hanno portato alla morte di Cetty Sommella.

Scritto da Fabrizia Volponi
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments

L’intervista di Harry e Meghan: la Regina Elisabetta rompe il silenzio

Arisa mostra il seno su Instagram: “Vi piacciono le mie te**e?”

Leggi anche
Contents.media